:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Casa, boom di pignoramenti di abitazioni a Prato

Tantissime famiglie in difficoltà economica, i pignoramenti sono aumentati del 50% e fanno di Prato la prima città in Italia. Per fronteggiare la crisi, la cooperativa Pane e Rose mette a disposizione appartamenti

13 marzo 2017

- PRATO – Prato è la città al primo posto in Italia per la crescita di pignoramenti di abitazioni, con un incremento del 50,7% in due anni. Per fronteggiare questa situazione, la cooperativa Pane e Rose porta avanti il progetto ‘Emergenza Alloggiativa’.

In collaborazione con la cooperativa Il Cenacolo, da un anno Pane e Rose lavora a stretto contatto con il Comune di Prato, mettendo a disposizione 4 appartamenti, 24 posti letto, per i nuclei familiari sfrattati o che da tempo non hanno fissa dimora. Una risposta concreta ad un bisogno urgente, inserendo i destinatari degli interventi in un percorso verso l’indipendenza abitativa. Attraverso una rete di mediatori sociali, l’obiettivo è garantire agli utenti una progressiva e effettiva inclusione sociale, superando condizioni di precarietà abitativa, economica e lavorativa.

“In un contesto territoriale difficile, siamo soddisfatti del supporto che il progetto ha offerto e continuerà ad offrire alle persone e alle famiglie in condizione di fragilità – spiega Lara Toccafondi, responsabile Area Inclusione della cooperativa Pane e Rose – In collaborazione con Cenacolo, abbiamo partecipato ad una evidenza pubblica per dare disponibilità di posti letto, arricchendola di un progetto sociale. I risultati e l’impegno di questo primo anno dimostrano l’importanza dei percorsi di accoglienza e di mediazione, in grado di aiutare i soggetti più deboli a risollevare la propria condizione sociale e migliorare il proprio percorso di vita”.

Le attività del progetto Emergenza Alloggiativa svolgono una funzione articolata, che va dal reperimento e messa a disposizione di alloggi all’orientamento dell’utenza, da forme di mediazione sociale e culturale ad attività di garanzia a favore dei proprietari degli alloggi, sia per gli stati di insolvenza e che per i danni ai fabbricati.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa