:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Toscana, etichetta etica su farmaci emoderivati

Il logo sui farmaci prodotti con plasma donato. L'iniziativa, lanciata con un decreto del Ministero della salute del 28 giugno 2016, intende incoraggiare la donazione volontaria, periodica, responsabile

13 marzo 2017

FIRENZE - Un cuore e una goccia di sangue/plasma sovrapposti, racchiusi in un cerchio. E' il logo che d'ora in poi comparirà sui farmaci emoderivati prodotti con plasma che proviene da donazioni volontarie e gratuite. Una sorta di etichetta etica, garanzia per i pazienti e per tutto il sistema sangue. La prescrive un decreto ministeriale, la Toscana è la prima ad applicarla.

L'iniziativa dell'etichetta etica, lanciata con un decreto del Ministero della salute del 28 giugno 2016, vuole incoraggiare la donazione volontaria, periodica, responsabile, anonima e gratuita del sangue e dei suoi componenti e sviluppare la produzione e l'utilizzazione dei prodotti derivati dal sangue o dal plasma provenienti dalle donazioni, per contribuire al raggiungimento dell'autosufficienza di sangue e dei suoi derivati su tutto il territorio nazionale. E' stato lanciato un concorso di idee tra i volontari, e il pittogramma vincitore del bando è quello, appunto, del cuore sovrapposto alla goccia.

La Toscana è stata la prima Regione a raccogliere le indicazioni ministeriali. "Questa etichetta etica - sottolinea Stefania Saccardi - è un importante riconoscimento che noi vogliamo dare ai donatori. La Toscana è la prima Regione che ha dato seguito al decreto legge del Ministero e ha chiesto di apporre l'etichetta sui farmaci prodotti da plasma italiano. I prodotti che saranno distribuiti sono i primi in Italia ad avere questo logo così significativo, che ben sintetizza la cultura del dono con la finalità dell'autosufficienza di sangue e plasma".

L'etichetta etica viene apposta dall'industria farmaceutica che lavora il plasma raccolto da donatori italiani. Attualmente la Kedrion è l'unica ditta incaricata della lavorazione del plasma italiano. E' in corso la gara per l'individuazione della ditta incaricata per gli anni a venire.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa