:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Gli adolescenti credono che lo Stato sia meno forte ed efficiente della mafia

E' questo il dato più rilevante da cui parte l'indagine presentata dalla commissione antimafia dell'Assemblea regionale siciliana. Nello Musumeci: "Una percezione grave che ci fa riflettere ma che ci deve spingere ad intervenire per ridare loro fiducia nelle istituzioni"

15 marzo 2017

- PALERMO - Gli adolescenti hanno poca fiducia nelle istituzioni e credono che lo Stato sia meno forte ed efficiente della mafia. E' questo uno dei risultati più rilevanti della ricerca richiesta dalla commissione antimafia dell'Assemblea regionale siciliana al prof. Orazio Licciardello su un campione di 150 giovani delle scuole primarie di secondo grado nei quattro comuni siciliani - interessati a vario livello dalla presenza mafiosa - di Barcellona Pozzo di Gotto(Me), Capizzi(Me), Palagonia (Ct) e Paternò(Ct).  La ricerca è stata presentata questa mattina nella sala della Commissione Antimafia a palazzo dei Normanni dal presidente, Nello Musumeci.

Tra gli aspetti positivi, nei giovani si evince forte una certa autonomia di pensiero, il senso della responsabilità, la consapevolezza della criminalità ma anche la sfiducia nelle istituzioni che ritengono meno forti e dinamiche rispetto all'azione della mafia soprattutto nella sua capacità di risolvere i problemi. Tra i risultati negativi, infatti, emerge una certa ambivalenza nei confronti dello Stato la cui valutazione appare in generale caratterizzati come da una sorta di "neutralità/indifferenza".
Lo Stato viene visto con una certa equidistanza tra la famiglia e la mafia. La richiesta del pizzo è considerata da oltre il 60% degli studenti più grave rispetto ad altri reati. Emerge anche una scarsa importanza attribuita al pagamento delle tasse che può essere letta come mancanza di attenzione sempre per l'interesse pubblico nel quale i ragazzi sembrano non ritrovarsi.
Dallo studio, inoltre, non sono apparse differenze sostanziali tra un comune e l'altro in riferimento al tipo di risposte che hanno dato i ragazzi. L'indagine si è avvalsa sia di strumenti espliciti come la compilazione di un questionario che di strumenti impliciti espressi in chiave metaforica. Inoltre, a garanzia delle veridicità delle risposte e al fine di evitare qualsiasi forma di condizionamento esterno, sia le scuole coinvolte che i ragazzi non erano a conoscenza che la ricerca fosse stata richiesta dalla commissione regionale antimafia.

"Quella che si evince dai ragazzi è una percezione grave - afferma il presidente della commissione antimafia, Nello Musumeci - che ci fa riflettere ma che ci deve spingere ad intervenire per ridare loro fiducia nelle istituzioni. Sarà quindi nostro principale interesse informare dei risultati dell'indagine i gruppi parlamentari, il governo regionale ma anche i comuni e le scuole interessate di quei territori. L'obiettivo dovrebbe essere quello di mettere in campo altri strumenti che possano indurre i giovani a capire l'importanza ed il valore delle istituzioni anche nella sua operatività rispetto alla criminalità organizzata".

"Il tipo di studio è finalizzato a potere mettere in campo degli interventi concreti - sottolinea il prof. Orazio Licciardello ordinario di psicologia sociale presso l'università di Catania e autore della ricerca svolta a titolo gratuito su richiesta esplicita della commissione antimafia siciliana -. Gli aspetti positivi sono senz'altro quelli di avere comunque giovani con una loro autonomia di pensiero fondata su determinati valori dove in primo piano c'è sempre la famiglia. Certamente i risultati devo farci pensare ad ampio raggio anche il livello di responsabilità che possono avere i media ma anche in maniera più diretta e specifica le scuole. Una strada per fare crescere una maggiore consapevolezza nei confronti delle istituzioni richiede senz'altro degli strumenti e registri formativi nuovi da attivare negli istituti scolastici. L'obiettivo deve essere quello di generare nei ragazzi dei processi interattivi che li rendano consapevoli del cambiamento sociale". "Sicuramente una strada da perseguire - aggiunge il docente - potrebbe essere quella di creare, le condizioni perché i giovani, sperimentando le proprie capacità di cittadinanza attiva, imparino a coniugare autonomia e cooperazione, ad avere fiducia in se stessi e negli altri, superando le ambivalenze nei confronti dello Stato, vissuto come realtà della quale si è parte, piuttosto che come un nemico. Tutto questo potrebbe anche dissuaderli dalla considerazione che la mafia possa essere intesa come un potere alternativo a cui rivolgersi per risolvere più rapidamente alcuni problemi". Un'altra indagine analoga è stata svolta a Palermo nel mondo dei giovani universitari i cui esiti saranno presentati la prossima settimana. (set)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: studenti, Mafia

Stampa Stampa