:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Alla stazione Termini una Sala blu per viaggiatori con disabilità

Inaugurata questa mattina al Binario 1 offrirà un servizio dedicato anche ad anziani e donne incinte. Sarà aperta tutti i giorni dalle 6.45 fino alle 21,30, e avrà il compito di programmare e coordinare i servizi di assistenza di 30 stazioni: 22 nel Lazio, una in Abruzzo e sette in Sardegna

16 marzo 2017

ROMA - Una nuova sala Blu per dare assistenza ai viaggiatori con disabilità all’interno della stazione Termini di Roma. I locali, che si trovano al Binario 1, sono stati inaugurati questa mattina: 100 metri quadrati di superficie, con un ampio desk in cui tre operatori potranno dare informazioni e aiuto ai viaggiatori con bisogni speciali; mentre un touch screen e un monitor sono a disposizione per conoscere tutti i servizi dedicati alle persone con disabilità ma anche gli orari di arrivo e partenza dei treni.

Disabilità. Sala blu 2

La sala sarà aperta tutti i giorni dalle 6.45 fino alle 21,30, e avrà il compito di programmare e coordinare i servizi di assistenza di 30 stazioni: 22 nel Lazio, una in Abruzzo e sette in Sardegna. “Negli anni il numero dei nostri interventi nel Lazio è più che raddoppiato: siamo passati dai 22.500 del 2011 ai 48.200 del 2016. Lo stesso è avvenuto a livello nazionale, abbiamo registrato un salto dalle circa 150mila richieste del 2011 alle oltre 300 mila dello scorso anno – sottolinea Vito Episcopo, direttore territoriali di produzione di Rete ferroviaria italiana (Rfi) -. Per noi i viaggiatori devono essere messi al centro del servizio, è un atto dovuto, in particolare quando si tratta di persone a mobilità ridotta per questo abbiamo deciso di inaugurare questo nuovo spazio: la maggior parte delle richieste si registrano, infatti, a Roma Termini”.

- Il servizio di assistenza ai viaggiatori è dedicato anche agli anziani e alle donne incinte, può essere prenotato, in maniera gratuita, anche con un preavviso di 12 ore nell’orario di apertura delle sale (anziché 48 come prevede la legge). Il preavviso scende a un’ora se le località di partenza e arrivo sono inserite nel circuito Fast, che comprende 14 stazioni tra cui Firenze, Torino, Venezia, Ancora Bari e appunto Roma. “Le sale Blu ci permettono di viaggiare meglio e sono il frutto di anni di dialogo tra le associazioni dei disabili e Rfi – afferma Annita Ventura, consigliera nazionale dell’Unione italiana ciechi e ipovedenti (Uic) -. Riteniamo che siano luoghi essenziali non solo per chi ha una disabilità stabile ma per tutti, chiunque ne può avere una transitoria, per esempio in seguito a un incidente. Ora il prossimo passo sarà lavorare sulle piccole stazioni dove le difficoltà sono maggiori”. Anche Giulio Nardone, presidente dell’associazione Disabili visivi ha parlato di “un ottimo lavoro per l’accessibilità”. “Siamo soddisfatti – spiega – anche per i nuovi percorsi tattilo vocali istallati a Termini che permettono alle persone ciechi di ascoltare messaggi vocali mentre girano per la stazione”. Per Giuseppe Corsini, di Ens (Ente nazionale sordi) il servizio andrebbe migliorato aggiungendo dei loghi per rendere subito individuabile la Sala alle persone sorde. (ec)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Disabilità

Ti potrebbe interessare anche…

Stampa Stampa