:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Dalla scrivania al pc: ecco l'ufficio ideale per le persone disabili

Tra gli oltre mille eventi della Design Week 2017 di Milano, ci saranno presentazioni di progetti architettonici o soluzioni innovative e belle per le esigenze delle persone con disabilità. E il Fuorisalone arriva in quartieri periferici come Chiaravalle e via Padova

27 marzo 2017

- MILANO - Il design che abbatte le barriere fisiche ma anche culturali. Alla Design Week 2017 di Milano, ci saranno anche eventi strettamente "sociali", in cui architetti, designer o makers mostreranno soluzioni belle e innovative adatte per tutti, persone con disabilità comprese. Il consorzio Cgm presenta, martedì 4 aprile, alle ore 11 presso East River (Via Jean Jaures 22 MM Turro) l'“Ufficio Ideale” per subvedenti, ideato grazie al partenariato con Principio Attivo, Polidesign, Immaginazione lavoro e ANS e finanziato da Città Metropolitana. Dalle scrivanie ai pc, dalle sedie al luogo per il coffee break, tutto è pensato per essere un ufficio adatto anche per persone con disabilità sensoriali. Anche il Mercato Comunale Coperto di viale Monza sarà protagonista del circuito del Fuorisalone  con “Market for all”, una riflessione sugli oggetti non convenzionali che compongono la tavola. Oggetti che creano il dialogo tra i commensali e lo spazio fisico della tavola. 

La Design week 2017, durante il Salone del Mobile e il Fuorisalone, prevede complessivamente oltre mille eventi, che animeranno Milano dal 4 al 9 aprile. Quest'anno sono state coinvolte anche zone della città periferiche, come via Padova, dove debutterà il 6 aprile "NoLo Creative District", un'iniziativa che nasce da un gruppo di creativi attivi tutto l’anno nel quartiere: Salumeria del design, Daevas Design, Drogheria Creativa, T12-lab, Daniele Dodaro e Sara Atelier. Infine si apre alla vitalità della Design Week il quartiere di Chiaravalle e Nosedo con il “Distretto della Rete della Valle dei Monaci”, installazioni e mostre di design per condurre in pubblico la (ri)scoperta dell’autenticità della terra e dei valori dell’accoglienza del Parco Sud. (dp)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa