:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Turchia, Del Grande: "Sono in sciopero della fame, mobilitatevi per me"

E’ la prima telefonata che il giornalista riesce a fare dopo 9 giorni di prigionia. Ai familiari ha detto: “La ragione del fermo è legata al contenuto del mio lavoro. Ho subito interrogatori al riguardo”. Ma rassicura: “Sto bene”

18 aprile 2017

ROMA -“Da stasera inizio lo sciopero della fame e invito tutti a mobilitarsi per chiedere che vengano rispettati i miei diritti". Lo ha detto Gabriele Del Grande nella prima telefonata che, dopo 9 giorni di isolamento, è riuscito a fare alla sua compagna Alexandra D’Onofrio. “I miei documenti sono in regola, ma non mi è permesso di nominare un avvocato, né mi è dato sapere quando finirà questo fermo - ha aggiunto -. La ragione del fermo è legata al contenuto del mio lavoro. Ho subito interrogatori al riguardo. Ho potuto telefonare solo dopo giorni di protesta".

Il documentarista fermato il 9 aprile scorso ad Hatay, al confine tra Turchia e Siria, ha detto di stare bene. "Non mi è stato torto un capello ma non posso telefonare, hanno sequestrato il mio cellulare e le mie cose, sebbene non mi venga contestato nessun reato". Mentre telefonava ha raccontato di essere circondato da quattro poliziotti. "Non mi è stato detto che le autorità italiane volevano mettersi in contatto con me", ha proseguito Del Grande.

"E' la prima telefonata che gli è stato concesso di fare da domenica 9 aprile, quando è stato fermato - rendono noto la compagna Alexandra D'Onofrio e i compagni di viaggio di 'Io sto con la sposa' - . Il giornalista era in Turchia dal 7 Aprile. Ai familiari Gabriele ha raccontato: "Mi hanno fermato al confine, e dopo avermi tenuto nel centro di identificazione e di espulsione di Hatay, sono stato trasferito a Mugla, sempre in un centro di identificazione ed espulsione, in isolamento".

© Copyright Redattore Sociale

Tag: #freegabriele, turchia, gabriele del grande

Stampa Stampa