:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Carcere: "Scriviamo…con gusto", il blog di cucina fatto dai detenuti

Il blog è realizzato dai detenuti della Casa di reclusione di Ranza, a San Gimignano, che frequentano la sede carceraria dell’Istituto Enogastronomico di Colle Val d’Elsa. Raccoglie ricette, poesie e riflessioni curate dagli studenti detenuti sviluppando ogni mese un tema diverso

28 aprile 2017

FIRENZE - Un blog di ricette e riflessioni che hanno il sapore della libertà. E’ quello realizzato dai detenuti della Casa di reclusione di Ranza, a San Gimignano, che frequentano la sede carceraria dell’Istituto Enogastronomico di Colle Val d’Elsa, indirizzo dell’Istituto d’Istruzione superiore statale “Bettino Ricasoli” di Siena. Il blog, intitolato “Scriviamo…con gusto” (scriviamocongusto.wordpress.com), raccoglie ricette, poesie e riflessioni curate dagli studenti detenuti sviluppando ogni mese un tema diverso. A coordinare testi e pubblicazione sono le docenti Gilda Penna e Laura Staiano, che curano la formazione dei detenuti insieme ad altri insegnanti impegnati nella sede carceraria dell’istituto senese con lezioni di italiano, matematica, storia, economia, lingua inglese e francese, scienze degli alimenti, laboratori di cucina, sala e vendita.

“Il blog - spiega Gilda Penna, referente dell’Istituto ‘Ricasoli’ di Siena per la sede carceraria - coinvolge ogni mese gli studenti dei circuiti di Alta e Media Sicurezza del carcere di Ranza su un tema diverso, con una ricetta pensata e realizzata in team e, successivamente, raccontata e condivisa con il mondo esterno. Insieme alle ricette, in lingua italiana, inglese e francese, trovano spazio sul blog ricerche storiche sulla gastronomia, italiana e non, e riflessioni che guardano fuori dalle sbarre attraverso la cucina. Gli studenti possono, così, mettersi in gioco e valorizzare le loro capacità aprendosi, attraverso la rete, a tutti coloro che si interessano di gastronomia e cogliendo un’opportunità di arricchimento personale e professionale”.

 

 

© Copyright Redattore Sociale

Tag: carcere

Stampa Stampa