:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Terremoto: un disegno di Milo Manara sulle magliette per Castelluccio

L’artista: questo è il mio piccolo modo per aiutarli. Con la campagna di raccolta fondi, avviata da Daniele Testa, sono stati ‘adottati’ agricoltori e venduti i prodotti di 7 aziende agricole

03 maggio 2017

CASTELLUCCIO DI NORCIA – “Il temporale è alle spalle e lo sguardo è rivolto verso il sole che ritorna ad illuminare il vostro cammino. Gli amici di Castelluccio di Norcia mi avevano chiesto una mano. Questo disegno, realizzato per una maglietta il cui ricavato verrà utilizzato proprio da loro, è il mio piccolo modo di aiutarli”, Milo. L’omaggio di Milo Manara, il noto autore e disegnatore di storie e vignette, conosciuto in Italia e all’estero per il fascino sensuale delle sue tavole, è un’immagine che rimarrà nella storia di Castelluccio di Norcia. Una ragazza bellissima, il volto inondato di luce, i capelli al vento, il corpo eretto e i pugni chiusi a trasmettere forza e determinazione. Su tutto, un grande arcobaleno: un ponte, tra le macerie di un passato recente che è ancora qui e l’attesa rinascita, che raccoglie tutti i colori della fioritura più famosa d’Italia.

Il borgo che domina il Pian Grande aveva resistito al terremoto del 24 agosto ma non alle scosse successive che il 30 ottobre hanno distrutto gran parte del centro e reso intransitabili le principali vie d’accesso. Smottamenti, pericolo frane e interventi che si fanno attendere tengono lontani da mesi turisti e residenti che chiedono solo di poter tornare nella frazione e sulla piana almeno per la fioritura che, come ogni anno, esplode a primavera inoltrata. Numerosi gli appelli e altrettante le iniziative che si stanno muovendo intorno al piccolo borgo. Quella di Manara è l’ultima in ordine di tempo.

Il punto di contatto tra l’artista internazionale e Castelluccio si chiama Daniele Testa: romano, il padre originario del centro, dal 25 agosto si è trasferito in Umbria “per contribuire alla rinascita di Castelluccio”. Nei mesi scorsi, Testa aveva lanciato su Worth Wearing (la prima piattaforma online di realizzazione e distribuzione di t-shirts on demand, per finanziare progetti) la campagna di raccolta fondi “Resto in piedi sono Castelluccio”, da destinare alla ricostruzione delle comunità colpite dal sisma.

“Con le magliette precedenti – racconta Daniele – ho ricevuto da Nives Manara, sorella di Milo, la grafica di Dylandog e contemporaneamente con Worth Wearing è stato avviato il concorso ‘Disegna una maglietta per Castelluccio di Norcia’ aperto sia a professionisti che ad emergenti e che ha come tema la ricostruzione della comunità della frazione. Avevo spedito a Nives una t-shirt e mentre le illustravo il concorso per altre grafiche, Milo ha disegnato la sua opera e me l’ha inviata. Il ricavato della vendita è devoluto alla pro loco di Castelluccio. Mentre per quanto riguarda Restoinpiedi.it, inizialmente le felpe sono state donate in occasione dell’inaugurazione della scuola di Norcia e all’esercito (circa 500 in tutto). Poi, con quello che è stato raccolto, ho ‘adottato’ un agricoltore. Nel tempo gli agricoltori sono diventati diversi e ora riesco a vendere lenticchia e prodotti tipici a zero spese e ricavo totale per i produttori. Attualmente vendo i prodotti di 7 aziende agricole mentre al 15 marzo, attraverso la piattaforma, sono state vendute 193 t-shirt e ricavati 956 euro. Non sappiamo quanto tempo ci vorrà prima di tornare nei nostri borghi, ma è importante agire e fare qualcosa di concreto per rilanciarli e aiutare le popolazioni colpite a rimettersi in piedi. Contributi e collaborazioni come quelle di Milo e Nives Manara ci danno l’energia per andare avanti e ci dicono che siamo sulla buona strada”. (Teresa Valiani)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa