:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Terrorismo, non solo Manchester: nel Regno Unito 12 anni di paura

L'attentato alla Manchester Arena è il più grave in Gran Bretagna dal 2005, l'anno zero della paura: una serie di esplosioni devastarono la linea della metropolitana di Londra, provocando la morte di 52 persone. Esattamente due mesi fa, un'automobile si è lanciata sul ponte di Westminster: 5 morti

23 maggio 2017

ROMA - L'attentato alla Manchester Arena è il piè grave in Gran Bretagna dal 2005, l'anno zero della paura nel Regno Unito: era il 7 luglio, quando quattro giovani si fecero esplodere in metropolitana e su un autobus uccidendo 52 persone. Ecco la timeline dei principali attentati in Gran Bretagna degli ultimi anni.

- 22 maggio 2017
: una o più esplosioni al termine del concerto della cantante americana Ariana Grande alla Manchester Arena: i morti sono almeno 22, i feriti una cinquantina. Possibile che a innescare la detonazione sia stato un attentatore suicida, ma è presto per le conclusioni. La polizia sta indagando.
22 marzo 2017: Khalid Masood, definito dagli agenti "un estremista islamico", si lancia alla guida di un'automobile sul ponte di Westminster. Armato di coltello, aggredisce i passanti prima di essere freddato dalla polizia. Il bilancio, nel cuore di Londra, è di cinque morti.
16 giugno 2016: la deputata laburista Jo Cox è assassinata a Batley, nello Yorkshire. Quarantuno anni, madre di due bimbi, è accoltellata dal militante di estrema destra Thomas Mair. L'assassinio precede di poche settimane il referendum per la Brexit.
22 maggio 2013: il fuciliere Lee Rigby è assassinato da Michael Adebolajo e Michael Abebowale, anche loro identificati come "estremisti islamici". L'omicidio avviene nei pressi di una caserma a Woolwich, a sud-est di Londra. La polizia riferirà di un tentativo di decapitazione.
30 giugno 2007: due attentatori si lanciano a bordo di un 4x4 contro il deposito di benzina del principale terminal dell'aeroporto di Glasgow. Il bilancio è di un morto e quattro feriti.
7 luglio 2005: una serie di esplosioni devasta la linea della metropolitana di Londra. Nel complesso perdono la vita 52 persone, mentre i feriti sono centinaia. Il bilancio più grave sulla Piccadilly Line, stazione di Russell Square: 26 morti. Tre degli attentatori sono figli di immigrati pachistani. Anche il quarto è un musulmano, nato in Giamaica. L'attentato sarà indicato con due numeri: 7/7. (Dire)

© Copyright Redattore Sociale

Ti potrebbe interessare anche…

Stampa Stampa