:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Gioco d’azzardo, in Toscana nasce numero verde per aiutare i malati

Lanciato dall’assessore alla salute Stefania Saccardi, intende contrastare e prevenire una patologia sempre più diffusa. Al telefono risponderà un pool di esperti psicologi che parleranno con i pazienti e li indirizzeranno verso le cure presenti sul territorio

30 maggio 2017

FIRENZE – Gioco d’azzardo, in Toscana arriva il numero verde per contrastarlo e prevenirlo. E’ una delle principali iniziative del nuovo piano regionale contro la dipendenza da gioco d’azzardo, un piano già approvato dal Ministero della Salute e in fase di lancio in tutta la regione. 

- Il numero verde, che sarà attivo a partire da settembre, sarà accessibile a chiunque abbia bisogno e presenti una patologia o un principio di patologia legata al gioco d’azzardo, purtroppo sempre più diffuso in Italia. A rispondere ci sarà un pool di 4 esperti psicologi e psicoterapeuti, che potranno fornire informazioni utili sulle cure nel territorio toscano oppure potranno fornire, più semplicemente, una prima assistenza telefonica.

Un’iniziativa importante e originale che costa circa 120 mila euro e che è stata lanciata dall’assessore regionale alla salute e alle politiche sociali Stefania Saccardi con l'aiuto dei dirigenti e dei tecnici che lavorano sul fronte delle dipendenze negli uffici della Regione.

“Il numero verde - ha detto Saccardi - fa parte delle tante iniziative che, a livello regionale, stiamo mettendo in campo per affrontare una delle patologie del nuovo millennio, quella del gioco d’azzardo, che colpisce un numero crescente di uomini, donne e perfino adolescenti. Tutti loro avranno la possibilità, nel momento del bisogno, di alzare la cornetta e mettersi in contatto con psicologi esperti. Sarà certamente un’arma efficace in più per contrastare questa patologia perché le persone, anziché uscire di casa e andare a cercare le cure, potranno farlo direttamente con una telefonata, almeno come primo approccio”.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa