:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Genitori e figli ai tempi dello smartphone, incontro a Firenze

All’auditorium della scuola primaria Machiavelli di San Casciano, giovedì 8 giugno un incontro per riflettere insieme agli esperti e agli operatori di Villa Lorenzi

06 giugno 2017

FIRENZE - Un incontro aperto a tutti, genitori, insegnanti ed educatori per parlare del rapporto tra genitori, figli e nuove tecnologie. Nell’era del web e della cultura digitale, a portata più di ragazzi e adolescenti che non di adulti, come e cosa cambia la relazione nelle dinamiche familiari? Proveranno a dare una risposta gli esperti e gli operatori di Villa Lorenzi nell’iniziativa organizzata per giovedì 8 giugno alle ore 21 presso l’auditorium della scuola primaria Machiavelli di San Casciano. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con gli Istituti comprensivi e i Comuni della zona fiorentina sud est. L’elaborazione del progetto è curata da Villa Lorenzi e condivisa con Asl. Saranno la pedagogista clinica Francesca Zatteri e lo psicologo Andrea Nardi ad invitare genitori e insegnanti a confrontarsi sul tema “Genitori e figli ai tempi del tablet e dello smartphone”. 

- “E’ importante comprendere quello che viviamo e come lo viviamo – commenta il sindaco Massimiliano Pescini -  è altrettanto utile dialogare con gli altri e connettersi con il mondo esterno ricorrendo anche agli strumenti della comunicazione digitale. Ma se non sappiamo usare le nuove tecnologie con intelligenza ed equilibrio, rischiamo di perdere il controllo delle emozioni e della razionalità, di fornire modelli non corretti, soprattutto ai ragazzi che si riflettono nelle identità degli adulti, di svuotare il senso delle nostre esistenze, sovrapporre spazi lavorativi e quotidianità, riducendo al minimo il valore dei rapporti con le persone che sono invece uno degli aspetti più importanti della vita e del percorso di crescita di ognuno di noi”. “

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa