:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Autismo, la “quiet hour” arriva anche in Italia. E debutta in Friuli

L’inaugurazione presso il centro commerciale di Tavagnaccio: il lunedì e mercoledì, per un’ora, luci basse, niente musica, altoparlanti spenti e corsia senza ostacoli, per ridurre lo stress dei ragazzi con autismo e delle loro famiglie nel momento della spesa

14 giugno 2017

ROMA – La “quiet hour” arriva anche in Italia: l’ora “calma”, già introdotta in alcuni centri commerciali anglosassoni, per la prima volta inaugura nel nostro Paese, grazie alla proposta di Progetto Autismo Fvg Onlus, favorevolmente accolta dal Carrefour del Centro commerciale Friuli di Tavagnaccio. In cosa consiste? Un momento di tranquillità e silenzio, all’interno del supermercato, che renda possibile e faciliti il momento della spesa alle famiglie dei ragazzi con autismo, sensibili ai rumori e agli stimoli visivi e quindi spesso turbati dall’ambiente nel negozio.

Concretamente, due volte a settimana – il lunedì dalle 10 alle 11 e il mercoledì dalle 17 alle 18 – luci e insegne avranno una bassa intensità, ci sarà una cassa dedicata (ma non esclusiva), non ci saranno muletti e trans pallet nelle corsie, la musica sarà spenta e non ci saranno annuncia dagli altoparlanti: accorgimenti semplici, ma che possono ridurre significativamente lo stress dei ragazzi autistici e delle loro famiglie.

Il carrefour ha messo a punto anche una app, chiamata proprio “quiet hour”, che permetterà alle famiglie e alle persone con autismo di vedere in tempo reale eventuali spostamenti di giornata dovuti alle festività. ”Abbiamo trovato una grande sensibilità al tema e una grande collaborazione nei vertici del supermercato che sono andati oltre la nostra previsione - dichiara Elena Bulfone presidente di Progettoautismo fvg - Un’iniziativa del genere apre concretamente la strada ad una nuova sensibilità verso l’accessibilità ai luoghi pubblici delle persone con autismi e ritardo intellettivo nel nostro comune e nella nostra Provincia, ci auspichiamo che tanti punti vendita seguano l’esempio del Carrefour per dar modo alle nostre famiglie di fare la spesa in tutta serenità”.

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Friuli Venezia Giulia, Autismo

Stampa Stampa