:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Povertà. Assistenza e orientamento, a Roma nasce il Polo Termini

Il "Terminal social corner" nasce per garantire un intervento sociale strutturato e integrato nell'area di Termini, mettendo a sistema all'interno di un unico Polo sociale di prossimità l'Help center, l'unità mobile e il centro di accoglienza diurna e notturna Binario 95 per una gestione ottimizzata dei servizi

20 giugno 2017

ROMA - Garantire un intervento sociale strutturato e integrato nell'area di Termini mettendo a sistema all'interno di un unico Polo sociale di prossimita' l'Help center, l'unita' mobile e il centro di accoglienza diurna e notturna Binario 95 per una gestione ottimizzata dei servizi e una progettualita' di largo respiro. Con questo obiettivo si configura il 'Terminal social corner' inaugurato dall'assessore capitolino alle Politiche sociali, Laura Baldassarre, dalla presidente di Rete Ferroviaria Italiana Claudia Cattani e dal Presidente Cooperativa sociale europe consulting onlus Alessandro Radichi. La nuova sede si inaugura in spazi nuovi e piu' grandi e concessi in comodato d'uso gratuito da Ferrovie dello Stato. I servizi attivi dal 2002 hanno registrato 2.503 accessi tra gennaio e maggio 2017 per un totale di 703 utenti, di cui 456 nuovi.

L'Help Center, sportello di ascolto, orientamento e assistenza sociale di Roma Capitale si occupa di intercettare e orientare le marginalita' gravi presenti nel territorio della stazione e nei suoi dintorni. Opera nel panorama dei servizi della Sala Operativa Sociale (SOS) di Roma Capitale, ma, diversamente dalle Unita' di Strada, viene definito "unita' immobile", rappresentando l'unica appendice di intervento localizzata in modo permanente in un luogo fisico accessibile al pubblico. Per questa ragione, costituisce, per la stessa SOS, un'utile risorsa nei casi in cui il contatto telefonico non e' sufficiente e si riscontra l'esigenza di un colloquio dal vivo con l'utente.

"Il Polo si sta affermando come un punto di riferimento per tutta la citta' e deve costituire uno dei pilastri su cui costruire assistenza e inclusione in un'ottica moderna e funzionale", commenta l'assessora alla Scuola, Persona e Comunita' Solidale Laura Baldassarre.
"L'emergenza sociale investe tutto il territorio nazionale e la capillarita' del nostro sistema di stazioni ci impegna da sempre ad avere attenzione per quanti cercano riparo, aiuto e solidarieta' presso i nostri spazi", ha aggiunto Carla Cattani Presidente di Rete Ferroviaria Italiana.

Cattani: "La collaborazione con i comuni vada avanti". "Ho scoperto che la messa a disposizione di spazi per noi in disuso e' una pratica che l'azienda mette in atto da molti anni. Gli Help center in Italia sono 17 e sono importanti perche' fanno accoglienza per i bisognosi e li mettono in contatto con le associazioni del Terzo settore e con le istituzioni comunali. Una rete di solidarieta'. Speriamo che questa attivitá con le istituzioni locali continui, per motivi di solidarieta' ma anche di decoro". Cosi' la presidente di Rete Ferroviaria Italiana, Claudia Cattani durante l'inaugurazione del nuovo Help center alla stazione Termini di Roma in via di Porta San Lorenzo 5.(DIRE)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Emarginazione, Povertà, Senza dimora, Help center stazioni

Stampa Stampa