:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Volontari, servizi flessibili e azioni gentili: è la "comunità che cura"

Sportelli gestiti da volontari, social street, blog di comunità e un'app: sono gli strumenti messi in campo dal Csv di Padova. Obiettivo, costruire una rete locale di volontari preparati a riconoscere situazioni di bisogno sociale

29 giugno 2017

- Padova –  Costruire una rete locale di volontari di comunità in grado di prestare servizi flessibili: è questo l’obiettivo del progetto “Comunità che cura”, un progetto elaborato dal CSV per “Padova 4.0”, il concorso promosso dalla Camera di Commercio. “Azioni gentili”, sportelli gestiti da volontari, “Social street”, blog di comunità e l'App “antenne sociali” sono gli strumenti che saranno utilizzati per concretizzare in progetto.

In concreto, saranno individuati dei “referenti di comunità” preparati a identificare situazioni di bisogno sociale: saranno così creati dei WelfarePoint ai quali i cittadini si possono rivolgere per avere una prima risposta alle loro difficoltà. “La cassiera di un supermercato, per esempio, sarà in grado di capire se il cliente abituale ha difficoltà di tipo motorio o cognitivo e potrà richiedere la verifica e l’aiuto del Csv, ente di collegamento con le istituzioni e le associazioni del territorio” spiegano gli organizzatori.

Tutto questo sarà supportato da una App che geo localizza i WelfarePoint. Gli esercenti, inoltre, potranno convenzionarsi alla piattaforma di marketing sociale trecuori.org per promuovere i propri prodotti/servizi e, al contempo, generare una ricaduta sociale positiva in favore di organizzazioni non profit scelte dai propri clienti. 

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Volontari, Csv

Stampa Stampa