:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Firenze, 200 giovani festeggiano il 18esimo in Palazzo Vecchio

Sono stati ricevuti nel Salone de Cinquecento dal sindaco Dario Nardella. Nell’occasione hanno ottenuto la cittadinanza due ragazzi del Ghana e dell’Albania

06 luglio 2017

FIRENZE - Duecento neo diciottenni nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze per festeggiare il raggiungimento della maggiore età insieme al sindaco Dario Nardella, all’assessore alle Politiche giovanili Andrea Vannucci e al consigliere del sindaco per le politiche giovanili Cosimo Guccione. È il secondo appuntamento del 2017 con la cerimonia ‘18esimo a Palazzo’ dedicata ai giovani che hanno compiuto il 18esimo anno nei mesi di aprile, maggio e giugno 2017. Nell’occasione un ragazzo ghanese, Dan-Dailey e una ragazza albanese, Klara, hanno ricevuto la cittadinanza italiana. A condurre la cerimonia è stato Lorenzo Baglioni. Acf Fiorentina ha partecipato con Fabio Corigliano, centrocampista degli Allievi A (under 17) in attesa della convocazione in Primavera, che ha sostenuto ieri l’orale di maturità. Presente anche Noemi Fedele, portiere della Fiorentina Women’s campione d’Italia.

“Una bellissima occasione per dare il benvenuto alle ragazze e ai ragazzi che con la maggiore età diventano cittadini con la ‘c’ maiuscola – ha detto il sindaco Nardella – Lo facciamo ancora una volta nel palazzo dei fiorentini, portando i giovani 18enni nel luogo dove tutto è successo. E la loro risposta è ogni volta più bella, perché testimonia il desiderio di conoscere, conoscersi e sentirsi cittadini attivi pronti a partecipare alla vita di questa città”. 

Durante la cerimonia, che si è svolta in forma solenne con la presenza del Gonfalone e delle chiarine, sono stati letti dai ragazzi quattro articoli della Costituzione, mentre un responsabile di Mus.e ha illustrato le meraviglie di Palazzo Vecchio. Al termine i neo 18enni hanno potuto visitare gratuitamente il percorso museale di Palazzo Vecchio, compresa la Torre di Arnolfo. 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa