:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Ambiente, a Firenze 7 milioni per nuove piste ciclabili

Stanziati dalla Regione fondi per far crescere ulteriormente la rete dei percorsi ciclo-pedonali nella Piana fiorentina

12 luglio 2017

FIRENZE - Sette milioni di euro per far crescere ulteriormente la rete dei percorsi ciclo-pedonali nella Piana fiorentina. La Giunta regionale toscana ha approvato nella sua seduta di ieri una delibera, presentata dall'assessore ai trasporti Vincenzo Ceccarelli, che destina importanti risorse in favore dei Comuni di Firenze, Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Signa, Calenzano, Prato, Poggio a Caiano e Carmignano e degli altri enti locali interessati con l'obiettivo di favorire una mobilità sana e sostenibile per gli spostamenti in città e contribuire anche così alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica, in linea con quanto previsto dal progetto regionale 'Parco agricolo della Piana'.

L'inziativa è stata presentata dal presidente della Regione Enrico Rossi nel briefing sull'attività della giunta. I percorsi saranno co-finanziati grazie a fondi Por Fesr 2014-2020 e saranno connessi con la rete di percorsi ciclopedonali già realizzati e in corso di realizzazione nell'area, in particolare con la Ciclopista dell'Arno, la ciclovia Firenze-Verona (inserita nella legge Finanziaria statale 2016) e la direttrice Firenze – Prato.

Con le risorse a disposizione sarà possibile co-finanziare opere civili ed impiantistiche, macchinari, materiali, attrezzature, pose in opera, oneri per la sicurezza, spese tecniche di progettazione, indagini, studi e analisi, rilievi, collaudi e consulenze professionali, l'acquisizione di aree non edificate, l'allacciamento ai pubblici servizi, le spese per imprevisti e bonifiche. Ciascun cofinanziamento potrà coprire al massimo l'80% del valore totale dell'intervento, fino ad un massimo di 3 milioni e mezzo di euro.

Potranno essere finanziate la realizzazione di nuovi tratti di percorsi ciclopedonali, la creazione o il potenziamento di sistemi di interscambio tra mezzi di trasporto diversi (es. bici/bus o bici/treno con apposite aree di parcheggio per le bici o ciclostazioni), la creazione di percorsi e corsie preferenziali per il transito dei mezzi pubblici, opere di pedonalizzazione e moderazione del traffico.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa