:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Infanzia, on line il nuovo sito dell’Istituto degli Innocenti

E’ stato tecnicamente migliorato e, oltre a presentarsi in una veste grafica molto diversa rispetto alla precedente, permette una nuova usabilità del sito e una maggiore chiarezza dei contenuti

13 luglio 2017

FIRENZE – E’ on line il nuovo sito dell’Istituto degli Innocenti, più veloce, più social e racconta in maniera puntuale ma sintetica le attività dell’Istituto, coinvolgendo gli utenti, condividendo con loro il grande materiale prodotto e tenendoli informati attraverso gli articoli pubblicati nella testata giornalistica Idi Notizie. E’ stato tecnicamente migliorato e, oltre a presentarsi in una veste grafica molto diversa rispetto alla precedente, permette una nuova usabilità del sito e una maggiore chiarezza dei contenuti e della loro ricerca. La visualizzazione delle pagine è migliorata per ogni risoluzione - i menu si adattano alla grandezza del monitor.

Con la consapevolezza che la maggior parte degli utenti arriva su una pagina Web attraverso i motori di ricerca, il sito prende in considerazione diverse modalità di approccio alla navigazione. L’Istituto ha un pubblico di utenti molto eterogeneo e abbiamo cercato di dare ai più la possibilità di una navigazione su misura. Il sito www.istitutodeglinnocenti.it è visitato da professionisti del settore – educatori, assistenti sociali, insegnati, studiosi e ricercatori – amministratori, genitori, funzionari pubblici e giornalisti, e da un anno a questa parte anche dai visitatori del Museo degli Innocenti.

Gli Innocenti sono un’istituzione storica che, oltre alla tradizionale attenzione all’accoglienza dei bambini nelle sue case e nei suoi nidi d’infanzia, produce ricerche, statistiche, documentazione e pubblicazioni in tema di infanzia e adolescenza, è presente nei maggiori tavoli nazionali - come quello della famiglia e dell’infanzia – e collabora con Governo italiano e Ministeri, oltre a partecipare a progetti europei.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa