:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Toscana, al via campagna sulla sicurezza nelle cave

Sarà diffuso un video dove gli attori sono i lavoratori e i datori di lavoro. L’assessore Saccardi: “Vogliamo contrastare gli alti rischi del settore del marmo”

17 luglio 2017

- FIRENZE - "Più si condivide, meno si rischia", dice il direttore di cava ai suoi operai, che l'hanno chiamato dopo aver scoperto una frattura in un lastrone di marmo. E' il video che fa parte della campagna regionale di comunicazione per la sicurezza sul lavoro nelle cave, che parte oggi. La campagna rientra in quella più generale sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, “L’Unione fa la sicurezza”, lanciata dalla Regione nel marzo scorso.

La campagna è stata presentata stamani nel corso di una conferenza stampa dall'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi, alla presenza del direttore regionale Inail Giovanni Asaro. "La campagna che presentiamo oggi - ha detto l'assessore - è un altro tassello della campagna trasversale per la sicurezza in tutti i luoghi di lavoro. Quello delle cave è un settore particolarmente a rischio, in cui purtroppo negli ultimi anni si sono verificati incidenti mortali. Con questa campagna vogliamo sottolineare il fatto che per migliorare la sicurezza nelle cave è necessaria una stretta collaborazione, un'alleanza fra tutte le figure dell'impresa. Solo se tutti hanno questa consapevolezza e rispettano davvero le regole, si può pensare di ridurre in maniera consistente, vorrei poter dire azzerare, il numero degli infortuni sul lavoro".

Della campagna fa parte il video di 60 secondi, girato nelle cave di marmo di Carrara, che ha per protagonisti veri cavatori. Il video sarà trasmesso dalle tv locali (Noi TV; Rete Versilia; Antenna 3) per 4 passaggi al giorno dopo il Tg della sera e del giorno, per la durata di 14 giorni. Il piano media prevede inoltre un arredo urbano con pensiline e dinamica bus nei comuni interessati (Massa e Carrara, Garfagnana, Vagli, Stazzema, Serravezza e Pietrasanta) con partenze scaglionate il 14 e il 24 luglio, per la durata di 14 giorni.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa