:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Milano, in sei mesi 3 mila multe per sosta sugli spazi per disabili

Dai dati dell'attività della Polizia locale, spiccano le contravvenzione per le "soste odiose": da chi posteggia sui marciapiedi (51.503 contravvenzioni) a chi lascia l'auto in seconda file (12.921) o sui passi carrai (4.467). Il caso del ragazzino che si è sdraiato per passare sotto un camion lasciato su un marciapiedi

25 luglio 2017

- MILANO - A Milano ci sono 4.661 spazi riservati alle persone con disabilità per la sosta delle auto. E in soli sei mesi, da gennaio a giugno di quest'anno, la polizia locale ha comminato ben 2.928 multe ad autisti senza scrupoli che avevano posteggiato su questi spazi pur non avendone diritto. È questo la più grave tra le "soste odiose", come vengono definite dalla stessa Polizia locale: già perché poi ci sono quelli che posteggiano sui marciapiedi (51.503 contravvenzioni), in seconda file (12.921) e sui passi carrai (4.467). “Ci è arrivata anche una foto di un bambino che, rientrando probabilmente da scuola, visto che traina lo zainetto, è costretto ad appiattirsi contro il muro e poi sdraiarsi per riuscire a passare su un marciapiede su cui aveva parcheggiato un camion a pochi centimetri dal muro -racconta Carmela Rozza, assessore alla Sicurezza, che ha presentato oggi i dati dell'attività della Polizia locale-. Le soste odiose sono segno di inciviltà e mancanza di rispetto”.

Più in generale, a Milano nei primi sei mesi del 2017 sono state 1.564.892 le multe erogate, in linea, anche se leggermente più basse, con il dato annuale 2016 di 3.384.063, che aveva già visto un decremento del 5% rispetto all’anno precedente. Di queste, 329mila sono state emesse dagli ausiliari della sosta. La parte del leone la fanno ancora una volta i divieti di sosta che risultano il 32,9 per cento del totale (514.754), con un aumento dell’1% rispetto all’anno precedente. L’ingresso in Area C senza pagamento è al secondo posto con il 21,6 per cento (338.849), con un aumento di 6,6 punti percentuali rispetto ai dati annuali dell’anno scorso. Le sanzioni per il superamento della velocità scendono invece del 4% attestandosi a 204.642. (dp)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa