:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Sentire la musica con le mani, al Summer Jamboree si sperimenta

Torna il "binomio consolidato" tra il festival di Senigallia, dedicato alla musica americana anni ‘40 e ’50, e la Lega del Filo d'oro. allo stand dell'associazione si sperimenta cosa significa comunicare e sentire per una persona sordocieca. Partendo della musica

27 luglio 2017

Il nostro Rock and Roll - locandina

ROMA - Un percorso sensoriale alla scoperta della musica nel buio e nel silenzio, con l’ausilio di bende e tappi, partendo da un’esperienza musicale. Così, grazie all'inziativa  “Il nostro Rock&Roll” della Lega del Filo d’Oro, chi  vorrà potra sperimentare cosa significa comunicare e sentire per una persona sordocieca visitando lo stand ideato per per il Summer Jamboree – il Festival di musica e cultura dell’America anni ‘40 e ’50 – che si è aperto ieri a Senigallia e si chiuderà il 6 agosto. "E’ un binomio consolidato quello che lega la musica alla solidarietà - afferma Rossano Bartoli, Segretario Generale della -Lega del Filo d'Oro. - Un evento, questo del Summer Jamboree, che ancora una volta ci sostiene nel sensibilizzare il pubblico sulla realtà delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali, per le quali da oltre 50 anni lavoriamo per offrire loro una qualità della vita migliore. Un ringraziamento particolare va agli organizzatori Angelo Di Liberto e Alessandro Piccinini e a tutti coloro che attraverso le iniziative promosse ci sosteranno, oltre che all’Amministrazione del Comune di Senigallia per la sua vicinanza".

Si tratta di un’esperienza musicale del tutto speciale, spiega l'organizzazione. Un volontario della Lega del Filo d’Oro fornirà tappi e bende ai visitatori e li aiuterà a ripensare il tradizionale rapporto con la musica. Nel primo corner dedicato alla musicoterapia sarà possibile imparare ad ascoltare come fanno le persone sordocieche, cogliendo nuove sensazioni attraverso la forza dell’abbraccio di uno strumento musicale e le vibrazioni che esso emana quando suona. Inoltre, forse non tutti sanno che chi non vede e non sente “conosce il mondo palmo a palmo anche se non l’ha mai visto”. Il secondo corner dello stand sarà, infatti, l’occasione per conoscere ciò che ci circonda attraverso il tatto, principale canale dei sistemi di comunicazione delle persone sordocieche. I visitatori potranno infilare le mani nella “scatola misteriosa” per carpirne al buio tutti i segreti proprio come chi del tatto fa il suo fondamentale strumento di relazione con il mondo. Il percorso sensoriale, infine, prevede un terzo momento in cui attraverso un gioco, fruibile da tablet, sviluppato appositamente per l’evento, sarà possibile conoscere i diversi metodi di comunicazione utilizzati nei Centri della Lega del Filo d’Oro. Tutti potranno mettersi alla prova tentando di comunicare come chi non vede e non sente.

"Siamo onorati di avere la Lega del Filo d'oro come partner etico della diciottesima edizione del Summer Jamboree - dichiarano gli organizzatori del Festival Angelo Di Liberto e Alessandro Piccinini- Un rapporto che si riconferma per il sesto anno consecutivo, che dimostra una fiducia reciproca e valori in comune, a partire dalla passione per la musica. La musica intesa nella sua accezione più ampia quale mezzo di condivisione e comunicazione. Felici di poter contribuire alla sensibilizzazione del prezioso lavoro svolto con grande costanza dalla Lega del Filo d’Oro per abbattere “barriere” che appaiono invalicabili ed il rock’n’roll è certamente una cultura capace di andare oltre gli steccati. La Lega del Filo d’Oro è Rock’n’Roll”. 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa