:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Roma avrà la Cittadella dello sport paralimpico, Pancalli: finalmente l'apertura

Accordo sottoscritto tra Roma Capitale e Eur S.p.a.. Il presidente del Comitato Italiano Paralimpico: consentirà, finalmente, l'apertura della struttura agli atleti e al pubblico. Inaugurazione e avvio previsti a settembre

04 agosto 2017

Roma - Roma avrà la sua Cittadella dello Sport. Il prossimo settembre verrà inaugurato l’impianto sportivo del Comitato Italiano Paralimpico grazie all’accordo sottoscritto tra Roma Capitale e Eur S.p.a., il cui Consiglio di Amministrazione ha deliberato ieri di concedere in comodato d’uso gratuito in favore di Roma Capitale l’area di sua proprietà, relativa al Complesso Sportivo Tre Fontane. 

"Siamo contenti che a un anno dalla fine dei lavori per la realizzazione del primo centro sportivo paralimpico italiano Eur spa e Roma Capitale abbiano trovato una accordo che consentira', finalmente, l'apertura della struttura agli atleti e al pubblico. Siamo vicini alla fine di una storia lunga 10 anni, un tempo in cui abbiamo dovuto affrontare grandi difficolta' e situazioni a dir poco paradossali. Si tratta di un passaggio importante non solo per la citta' di Roma ma per tutto il movimento paralimpico italiano. Ora attendiamo di leggere i contenuti e i dettagli della delibera che la Giunta comunale si appresta a votare". E' quanto dichiara Luca Pancalli, presidente del Comitato Italiano Paralimpico. "Nel frattempo - aggiunge - non possiamo che esprimere apprezzamento per il lavoro svolto dalle parti nelle ultime settimane. Auspichiamo che questa collaborazione continui anche per permettere la realizzazione del secondo stralcio del progetto, reso possibile grazie ai fondi messi a disposizione del Governo".  

"Ce l'abbiamo fatta, Roma e l'Italia finalmente avranno la cittadella dello sport - dice la sindaca di Roma, Virginia Raggi -. Un impianto dove potranno allenarsi i nostri atleti con disabilità e paralimpici. E' un sogno che si realizza". L'accordo è stato siglato fra Comune e Eur Spa, che ha concesso in comodato gratuito l'area del Tre Fontane di sua proprietà.

I lavori del primo lotto del Centro erano stati completati già un anno fa, ma un contenzioso burocratico e amministrativo fra Comune di Roma e Eur spa non aveva consentito l'apertura: lunghi mesi nel corso dei quali sono comunque stati sopportati i soldi dell'ordinaria gestione, pari a circa 350mila euro l'anno, escluse le spese per le utenze. Mesi fa Pancalli aveva chiesto a gran voce alle due parti di trovare un accordo anche per scongiurare che il Centro potesse rovinarsi ancor prima di essere inaugurato. 

La struttura, realizzata su un'area di 7 ettari che appartiene al Comune di Roma ed Eur spa, si compone di una piscina, un fabbricato con uffici e spogliatoi, una zona ristoro, una pista di atletica, un campo da calcio a 11 e altri per il calcio a 5, campi da tennis, area parcheggi e zone verdi. Il costo totale delle opere finora realizzate ammonta a circa 15,7 milioni di euro, "il costo preventivato all'inizio senza un solo euro in più", ha più volte in passato affermato Pancalli. Ma l'intero progetto prevede anche la realizzazione di un palazzetto dello sport e di una foresteria per avviare quello che il presidente del Cip definisce "un percorso di welfare attivo", con l'obiettivo di ospitare una sorta di fase 2 del percorso riabilitativo delle persone con disabilità fisica intellettivo-relazionale e sensoriale. Il completamento di questo stralcio sarà possibile grazie a uno stanziamento del Cipe di 6,5 milioni di euro. "Aprire il centro senza queste due strutture- dice Pancalli- sarebbe come realizzare un centro 'amputato'".(RS/DIRE)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa