:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Migranti, soccorsi e trasbordi per Msf: “Operazioni normali”

La “Prudence” della ong soccorre 127 migranti che vengono trasferiti su unità della Guardia Costiera prima di arrivare a Lampedusa: “Nessun divieto di attraccare in porto, è già successo numerose altre volte”

06 agosto 2017

ROMA – Sono 127 i migranti arrivati oggi a Lampedusa a bordo di due imbarcazioni della Guardia Costiera italiana: erano stati soccorsi in mare giovedì dalla “Prudence”, la nave della ong Medici senza frontiere che in questi giorni – nonostante le polemiche copiose – continua la sua missione nel Mar Mediterraneo. Nessun divieto di entrare in porto a Lampedusa, ha specificato la ong dopo che alcuni media aveva enfatizzato il fatto che la “Prudence” non fosse attraccata a Lampedusa, avanzando anche l’ipotesi che alla nave di Msf fosse stato proibiti l’attracco in porto. “In realtà si è trattato di un normale trasbordo, come è accaduto tante volte e mi auguro continui ad accadere per il miglior funzionamento dei salvataggi in mare”, chiarisce Loris De Filippi, presidente della ong. “E’ stata una situazione normalissima, successa tante altre volte: peraltro – ha spiegato De Filippi - la "Prudence" è grossa e non entra facilmente a Lampedusa; per questo, d'accordo con la Guardia Costiera, è stato deciso il trasbordo al largo. Una volta che le persone sono salite a bordo delle unità della Guardia Costiera, la Prudence ha fatto rotta verso il porto di Catania”.

Mentre in mare continuano i salvataggi con la Guardia Costiera libica che ha tratto in salvo 600 migranti davanti alle coste del Paese (si parla soprattutto di tunisini, marocchini, algerini, libici e sudanesi, oltre che di un gruppo di pakistani), la settimana che inizia domani sarà importante dal punto di vista diplomatico per l’arrivo in Italia dell’inviato dell’Onu per la LIbria, il presidente libanese Ghassan Salamè, che sabato a Tripoli ha incontrato il premier Fayez al Sarraj, e il ministro degli Esteri, Mohamad al Taher Siala. Previsto per martedì un incontro con il ministro degli esteri italiano, Angelino Alfano.

 

 

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa