:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Barcellona, il Papa: azione disumana e violenza cieca

Forte condanna "della violenza cieca, offesa gravissima al Creatore" e "profondo dispiacere per le vittime che hanno perso la vita in una azione cosi' disumana" viene espressa dal Pontefice nel telegramma di cordoglio per le vittime

18 agosto 2017

- ROMA - Una forte condanna "della violenza cieca, offesa gravissima al Creatore" e "profondo dispiacere per le vittime che hanno perso la vita in una azione cosi' disumana" viene espressa oggi da Papa Francesco nel telegramma di cordoglio per le vittime dell'attentato terroristico avvenuto ieri a Barcellona, in Spagna, inviato dal cardinale Segretario di Stato, Pietro Parolin al card. Juan Jose' Omella y Omella, arcivescovo di Barcellona. "Di fronte alla notizia del crudele attentato terrorista che ha seminato morte e dolore nella Rambla di Barcellona- si legge nel telegramma- Papa Francesco esprime il suo piu' profondo dispiacere per le vittime che hanno perso la vita in una azione cosi' disumana e offre preghiere per l'eterno riposo". "In questi momenti di tristezza e dolore" il Papa desidera manifestare "il suo appoggio e la sua vicinanza ai numerosi feriti, alle loro famiglie e a tutta la societa' catalana e spagnola". Papa Francesco "condanna ancora una volta la violenza cieca, offesa gravissima al Creatore, e prega l'Altissimo perche' ci aiuti a continuare a lavorare con determinazione per la pace e la concordia nel mondo". Il Papa conclude invocando "la benedizione apostolica su tutte le vittime, i loro familiari e l'amato popolo spagnolo". (AGESIR-DIRE)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa