:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Bimbi dimenticati in auto, arriva il software che manda sms ai genitori

Ideato dall’associazione Gaia Onida, potrà essere supportato con una cena di beneficenza che si terrà in Toscana venerdì 15 settembre

08 settembre 2017

FIRENZE – Mai più bambini dimenticati in auto. Arriva il software “Ok, ci sei!”, attualmente in fase di test, ma che già alcune amministrazioni comunali si sono mostrate interessate a sperimentarne in asili nidi pubblici e privati del territorio. Funzionerà come una sorta di registro elettronico, in grado di rilevare le presenze dei bambini e inviare un sms ai genitori di coloro che risulteranno assenti.

- Si tratta di una sorta di registro elettronico che viene adottato dalla scuola; se entro una certa ora (tendenzialmente 20/30 minuti dopo l'orario di ingresso) il bambino risulta assente, il software invia in automatico un sms che avvisa sia la madre che il padre; in questo modo se il genitore ha lasciato inconsapevolmente il figlio in auto (come purtroppo accade sempre più spesso a causa di una sorta di blackout) si allarmerà e andrà a controllare immediatamente. Il software è stato sviluppato in modo da automatizzare il processo e non mettere quindi le maestre dell'asilo in condizione di dover avvisare personalmente i genitori (una responsabilità che non spetta a loro). 

Per finanziare il progetto si terrà una cena venerdì 15 settembre alle ore 20 lo Studio Commerciale Giardini e Puliti organizza un Galà di beneficenza a La Barcaccina di Vada (via Lungomare, 17) a favore dell’Associazione Gaia Onida, impegnata in attività di informazione e prevenzione rispetto alle morti infantili evitabili. 

Dopo l’aperitivo di benvenuto, seguirà una cena di gala sulla terrazza del ristorante. Durante la serata sono previsti gli interventi del Dottor Riccardo Ristori, specialista in medicina d’urgenza e membro della Società Scientifica IARR (International Academy of Rescue and Resuscitation), Michela e Stefano, genitori della piccola Gaia Onida, un rappresentante di INAZ, la società informatica incaricata di realizzare il software per conto dell’Associazione Gaia Onida. 

Lo scopo della serata, infatti, è quello di raccogliere fondi per la copertura dei costi necessari allo sviluppo della tecnologia e alla prima fase di sperimentazione in un asilo nido di Rosignano. Allo scopo contribuirà anche una “lotteria silenziosa”, organizzata in collaborazione con alcuni sponsor e attività commerciali del territorio: a fronte di una piccola offerta chiunque potrà scegliere una busta chiusa, tentando la fortuna per aggiudicarsi uno dei numerosi premi in palio.

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa