:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

A scuola in ospedale, al pediatrico Meyer aule per i bambini ricoverati

Anche all'ospedale pediatrico Meyer di Firenze domani mattina suonerà la campanella che segna l’inizio del nuovo anno scolastico. La scuola ospedaliera si rivolge sia ai bambini che non possono allontanarsi dal letto sia a quelli che hanno la possibilità di recarsi nelle aule a loro dedicate

14 settembre 2017

FIRENZE – A scuola in ospedale. Anche al pediatrico Meyer domani mattina suonerà la campanella che segna l’inizio del nuovo anno scolastico. Ad attendere i bambini che frequentano la primaria, sarà una scuola tutta nuova, più grande e accogliente, realizzata grazie alla Fondazione Meyer, per rendere più piacevoli le ore dedicate alle lezioni e allo studio. 

I nuovi ambienti a disposizione dei piccoli e delle maestre, si trovano al secondo piano dell’ospedale pediatrico, proprio di fronte alla scuola secondaria e, attraverso grandi vetrate, si affacciano sull’orto-giardino della LudoBiblio: così tra la lettura di un testo e la risoluzione di un problema, si può anche ammirare l’oliveta. Quella del Meyer è una scuola davvero speciale che permette ai bambini e agli adolescenti ricoverati in ospedale di continuare a studiare, nel rispetto delle diverse esigenze di ognuno.

La scuola ospedaliera si rivolge sia ai bambini che non possono allontanarsi dal letto sia a quelli che hanno la possibilità di recarsi nelle aule a loro dedicate. Il servizio viene erogato direttamente dall'ufficio scolastico regionale e prevede una collaborazione continua tra l’insegnante che lavora in ospedale e i docenti della scuola di origine del bambino, in modo da garantire il più possibile la continuità del percorso didattico. Nella scuola del Meyer è anche possibile sostenere gli esami di Stato del primo e del secondo ciclo di scuola superiore. A rendere possibile questo percorso, anche gli insegnanti volontari dell’associazione Amici del Meyer.

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa