:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Fabbriche abbandonate e palazzi storici dismessi rinascono con Culturability

Rigenerare gli spazi vuoti delle città con la cultura, l’innovazione sociale e la sostenibilità. Questa la sfida lanciata dal bando della Fondazione Unipolis che ha stanziato 400 mila euro per l’edizione 2017 dell’iniziativa. Ai progetti scelti andrà un contributo di 50 mila euro

15 settembre 2017

"Evocava" il Museo evocativo delle cave
Evocava – Museo evocativo delle cave

ROMA - Un museo evocativo della Mazara del Vallo sotterranea, la trasformazione della Mediateca “Foberti” di Rosarno in un luogo di formazione, far diventare uno degli spazi dell’Asilo (ex sede del Forum delle Culture di Napoli) lo spazio per la danza e le arti performative più grande della città, avviare il primo hub creativo italiano dedicato all’arte e al design tessile a Prato e infine rafforzare a Bologna l’esperienza della Meticceria Extrartistica Trasversale per creare dei varchi di accesso alla cultura per categorie escluse. Sono questi i 5 progetti selezionati dal bando culturability della Fondazione Unipolis che ha messo a disposizione per ciascun progetto un contributo economico di 50 mila euro e la possibilità di prendere parte a un percorso di accompagnamento e mentoring. 

La Meticceria extrartistica trasversale (Met)
MET – Meticceria Extrartistica Trasversale

Evocava di Mazara del Vallo, FaRo – Fabbrica dei saperi di Rosarno, L’Asilo di Napoli, Lottozero / textile laboratories di Prato e MET – Meticceria Extrartistica Trasversale di Bologna sono stati scelti fra ben 429 progetti arrivati da tutta Italia in risposta alla call promossa dalla Fondazione Unipolis con l’obiettivo di sostenere progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerano e riattivano spazi abbandonati o sottoutilizzati. Palazzi storici vuoti, fabbriche dismesse, spazi commerciali sottoutilizzati, luoghi di cultura chiusi, beni naturalistici dimenticati che riprendono vita, rinascendo come luoghi di cultura e spazi di comunità: queste le sfide lanciate dalle 5 iniziative, la maggior parte delle quali arriva dalle regioni del Mezzogiorno. La Commissione ha assegnato anche le due menzioni speciali, del valore di 10 mila euro ciascuna, rese possibili dalla collaborazione con la Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. I riconoscimenti vanno ad: Area Archeologica Giardini Luzzati: Lo Spazio del Tempo di Genova e TOC Centre di Copertino (Lecce). -
 
Per l’edizione 2017 del bando culturability, Fondazione Unipolis ha stanziato complessivamente 400 mila euro, tra contributi economici per lo sviluppo dei progetti selezionati, attività di accompagnamento per l’empowerment dei 15 team finalisti e successivo mentoring dei 5 selezionati, rimborsi spese per partecipare alle attività di supporto. Complessivamente, in quattro edizioni, la Fondazione Unipolis ha investito un milione e 500 mila euro e oltre 2.770 sono stati i progetti partecipanti.
 

© Copyright Redattore Sociale

Tag: culturability, Fondazione Unipolis, cultura

Stampa Stampa