:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

A Firenze gli "appartamenti per l'autonomia" aiutano i ragazzi in difficoltà

Locali della Caritas sono stati messi a disposizione, in collaborazione con la Regione, di giovani in situazione di disagio vicini alla maggiore età o neo-maggiorenni, presi in carico dai servizi sociali dei Comuni

16 settembre 2017

FIRENZE - Nell’ambito del progetto sperimentale della Regione Toscana dedicato agli "Appartamenti per l'autonomia", l’Associazione Solidarietà Caritas-Onlus di Firenze, ha inaugurato ieri pomeriggio due nuovi locali in Via Ponte alle Mosse. Un primo appartamento, “Casa San Lorenzo”, era già stato aperto nel 2015, al momento dell’entrata in vigore dell’iniziativa regionale.

Obiettivo del progetto, che si rivolge a soggetti pubblici e del privato sociale che operano nel sistema integrato socio-sanitario toscano, quello di sostenere il bisogno di inserimento sociale, educativo e di avvio al lavoro di ragazzi in situazione di disagio vicini alla maggiore età o neo-maggiorenni presi in carico dai servizi sociali dei Comuni, sia italiani che stranieri, anche nella condizione di minori stranieri non accompagnati. I destinatari sono minori in età compresa tra i 16 e i 18 anni; e i maggiorenni entro i 21 anni, per i quali il progetto di accoglienza prevede il prolungamento fino al compimento del ventunesimo anno di età. 

I due appartamenti, sono di circa 100 mq ciascuno, e si trovano sullo stesso piano di una palazzina. Sono composti entrambi da un grande soggiorno con angolo cottura; 3 camere da letto; e da 3 o 2 bagni. Nella struttura lavorano tre operatori, che si alternano nell’arco delle 24 ore, e che sono le figure di riferimento dei ragazzi in quanto sono loro ad aiutarli e ad insegnarli ad essere indipendenti. Il progetto della Regione prevede infatti che ogni ragazzo raggiunga la completa autonomia durante il percorso, anche nei lavori di casa, come lavare, stirare, cucinare, ma anche imparare a gestire correttamente i soldi, dato che ad ognuno viene data una piccola paghetta che deve essere utilizzata per tutte le spese.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa