:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Toscana, oltre 700 richieste di voucher formativi per i disoccupati

Cresce in Toscana la richiesta di voucher formativi destinati a chi è senza lavoro: non solo i disoccupati, ma anche inoccupati o inattivi o fuoriusciti dai percorsi di pubblica utilità

19 settembre 2017

- FIRENZE – 234 domande a luglio e altri 494, più del doppio, alla scadenza del 10 settembre. Cresce in Toscana la richiesta di voucher formativi destinati a chi è senza lavoro: non solo i disoccupati in Naspi o in mobilità da almeno quattro mesi, come era all'inizio, ma anche inoccupati o inattivi o fuoriusciti dai percorsi di pubblica utilità, purché iscritti ad un centro per l'impiego. L'obiettivo del resto è far ritrovare un'occupazione a chi l'ha persa ma anche a chi non ce l'ha o lavora ad intermittenza.

Per questo la Toscana ha messo a disposizione voucher formativi da spendere in percorsi professionalizzanti – sono stati stanziati nel 2016 a marzo 3 milioni e 900 mila euro, sufficienti a coprire le richieste di almeno 1.300 o 1500 lavoratori – e le domande negli ultimi mesi sono cresciute. "L'incremento è stato probabilmente la conseguenza anche della scelta di allargare la possibilità di finanziamento a tutti i corsi del catalogo regionale (solo quelli di pronto soccorso sono esclusi ndr ) - commenta l'assessore al lavoro della Toscana, Cristina Grieco – oltre al fatto di poter delegare l'agenzia formativa alla riscossione diretta del voucher permettendo al lavoratore di non dover anticipare neppure un euro".

L'importo varia a seconda del tipo di corso: fino a 3000 euro per l'ottenimento di una qualifica e 500 euro per i corsi dovuti per legge. Chi fa domanda non deve superare 50 mila euro di Isee, l'indicatore che misura reddito e patrimonio in rapporto alla dimensione del nucleo familiare.

© Copyright Redattore Sociale

Ti potrebbe interessare anche…

Stampa Stampa