:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Terremoto in Messico, si attiva la macchina della solidarietà: ecco come aiutare

Dopo il fortissimo terremoto che ha colpito ieri Città del Messico e alcune province, a solo 12 giorni dopo il precedente sisma che aveva causato la morte di 98 persone e danni ingenti, simobilitano le organizzazione. Anche con la raccolta fondi

20 settembre 2017

- ROMA -  Dopo il sisma che ha colpito gravemente Città del Messico e gli stati di Morelos e Puebla, le organizzazioni internazionali mettono in moto la macchina della solidarietà. 

Save the Children si è immediatamente attivata per verificare i bisogni più urgenti delle persone colpite dal terremoto e ha espresso "seria preoccupazione per le decine di bambini che si trovavano all’interno di una struttura scolastica nel centro di Città del Messico quando questa è collassata, in seguito alla potente scossa di magnitudo 7.1 di martedì pomeriggio". Si tratta di una delle due scuole che sarebbero crollate con l’evento sismico che ha ucciso oltre 200 persone e causato il crollo di decine di edifici. Migliaia di famiglie hanno perso la propria casa e si trovano ora nei rifugi. Hanna Monsivais, coordinatrice dei programmi di Save the Children in Messico, ha raccontato di essersi trovata in strada con centinaia di altre persone che offrivano supporto e assistenza ai vicini: “Le persone hanno mostrato un’enorme solidarietà. I volontari stanno portando acqua, cibo, vestiti e maschere, per poter aiutare le autorità a rimuovere detriti e pietre dal momento che ci sono ancora persone intrappolate sotto agli edifici. Di tanto in tanto chiedono di fare silenzio, per poterle ascoltare. È incredibile ciò che le persone stanno facendo per dare supporto. In molti si trovano ancora in uno stato di shock”.  Per sostenere gli interventi di Save the Children https://www.savethechildren.it/cosa-facciamo/risposta-alle-emergenze

Caritas Italiana - che fin dal terremoto del 1985 è rimasta accanto alla Chiesa Messicana e in particolare alla Caritas sostenendo in questi anni numerosi progetti di emergenza, ricostruzione e sviluppo - "ha rinnovato la vicinanza nella preghiera e la solidarietà". In collegamento con la rete internazionale sta già predisponendo interventi e risposte concrete ai bisogni più urgenti, parte di un piano complessivo di emergenza. La Conferenza episcopale del Messico ha invitato tutti alla preghiera e alla solidarietà con le persone colpite, ringraziando in particolare le migliaia di volontari che “unendo le loro mani hanno formato catene di vita”. È possibile sostenere gli interventi  di Caritas Italiana, sul sito tutti i riferimenti per donare.



© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa