:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Alluvione Livorno, Rossi: “Prestiti fino a 20mila euro per imprese danneggiate”

L’annuncio del governatore toscano: “E’ una misura cumulabile con le richieste di danni, si tratta di un prestito, di un aiuto aggiuntivo ed immediato, che la Regione Toscana ha deciso di offrire ai livornesi”

21 settembre 2017

LIVORNO - "Abbiamo deciso di mettere subito a disposizione prestiti fino a 20 mila euro per piccole imprese e partite Iva danneggiate dall'alluvione che ha colpito l'area livornese". Lo annuncia oggi pomeriggio a Livorno il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, che prima ha incontrato le categorie economiche e i rappresentanti della Camera di Commercio, poi i giornalisti, per spiegare loro che "è una misura che abbiamo deciso di varare perché è importante dare un aiuto a chi si è trovato alluvionato", aggiungendo che "in molti mi hanno detto di voler ripartire, ma di non sapere con quali risorse farlo".

Sarà Fidi Toscana a concedere da un minimo di 5mila ad un massimo di 20mila euro a chi ne farà richiesta. Non serviranno garanzie, ma soltanto dimostrare di aver subito danni in seguito all'alluvione. Per due anni non si dovrà restituire niente, poi si potrà scegliere di restituire, a tasso zero, la somma ricevuta, a rate e in un periodo variabile da tre a dieci anni.

"Occorre sottolineare - spiega il presidente Rossi - che è una misura cumulabile con le richieste di danni. Si tratta semplicemente di un prestito, di un aiuto aggiuntivo ed immediato, che la Regione Toscana ha deciso di offrire ai livornesi. Quanto ai tempi, entro una settimana o dieci giorni daremo la risposta a chi ha presentato la domanda, ed entro altre tre settimane ci impegniamo ad erogare materialmente i fondi". Da lunedì sarà possibile presentare le richieste presso la nuova sede del suo ufficio che il commissario Enrico Rossi ha aperto a Livorno in via Nardini 31, nel palazzo del Genio civile.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa