:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Migranti, il Papa: "Abbiamo bisogno politica di accoglienza e integrazione"

Il Pontefice ha ricevuto in udienza i membri dell'Associazione nazionale Comuni italiani (Anci). "Abbiamo bisogno di una politica che non lasci ai margini chi arriva sul nostro territorio, ma si sforzi di mettere a frutto le risorse di cui ciascuno è portatore". Il Papa ha esortato a frequentare le periferie

30 settembre 2017

ROMA - "Abbiamo bisogno di una politica dell'accoglienza e dell'integrazione, che non lasci ai margini chi arriva sul nostro territorio, ma si sforzi di mettere a frutto le risorse di cui ciascuno è portatore". Lo ha affermato questa mattina Papa Francesco ricevendo in udienza nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico i membri dell'Associazione nazionale Comuni italiani (Anci).
"La città è un organismo vivente, un grande corpo animato dove, se una parte respira a fatica, è anche perché non riceve dalle altre ossigeno a sufficienza", ha osservato il Papa, riferendosi "alle realtà nelle quali viene meno la disponibilità e la qualità dei servizi, e si formano nuove sacche di povertà ed emarginazione".

- "È lì - ha aggiunto - che la città si muove a doppia corsia: da una parte l'autostrada di quanti corrono comunque iper-garantiti, dall'altra le strettoie dei poveri e dei disoccupati, delle famiglie numerose, degli immigrati, di chi non ha qualcuno su cui contare". Il Papa  ha esortato a frequentare le periferie perché "mentre ci dà il polso dell'ingiustizia, ci indica anche la strada per eliminarla: costruire comunità dove ciascuno si senta riconosciuto come persona e cittadino, titolare di doveri e diritti, nella logica indissolubile che lega l'interesse del singolo e il bene comune".

"Perché - ha ricordato - ciò che contribuisce al bene di tutti concorre anche al bene del singolo". Secondo il Papa, "per muoversi in questa prospettiva abbiamo bisogno di una politica e un'economia nuovamente centrate sull'etica: un'etica della responsabilità, delle relazioni, della comunità e dell'ambiente".
"Ugualmente - ha proseguito - abbiamo bisogno di un 'noi' autentico, di forme di cittadinanza solide e durature". (www.agensir.it) (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: migranti, Papa Francesco

Stampa Stampa