:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Firenze, visite gratuite ai musei per i malati di Sla

Dagli Uffizi alla Cappella Brancacci, l’associazione Aisla (presente alla terza conferenza regionale sulla disabilità) porta stimola interessi e passioni culturali e ricreative nelle persone malate di Sla

11 ottobre 2017

- FIRENZE – Visite al museo per i malati di Sla. E’ la mission dell’associazione Aisla Firenze, che offre aiuto e sostegno alle persone con Sla e ai loro familiari residenti nel territorio fiorentino metropolitano e che, insieme a molte altre associazioni, sarà protagonista della terza Conferenza regionale sulla disabilità in programma il 13 e 14 ottobre.

“Oltre ad un'assistenza domiciliare che vada a integrare l'assistenza socio-sanitaria da parte degli ospedali e del territorio – spiegano gli operatori di Aisla - è necessario mantenere e stimolare nelle persone con Sla, interessi e passioni, anche di tipo culturale e ricreativo, che avevano prima di ammalarsi o che possono scoprire e apprezzare pur avendo la malattia”.

Così nasce il progetto di visite guidate gratuite, con cadenza mensile, a musei, mostre, chiese, conventi e luoghi di interesse storico e culturale di Firenze. La scelta dei luoghi da visitare avviene con una programmazione fatta all'inizio dell'anno e riguardano temi come la sofferenza, la malattia, il trascorrere delle stagioni della vita, la maternità, la morte e molti altri proposti dagli stessi partecipanti. La scelta dei siti e dei percorsi avviene sempre dopo un contatto e un incontro con i direttori dei musei o i responsabili del personale e dopo un sopralluogo da parte del coordinatore del progetto, per valutare la durata del percorso e la presenza di barriere architettoniche.

Una visita al Museo di Santa Maria Novella
Foto Visita S. Maria Novella

“Il progetto – hanno spiegato da Aisla - è molto apprezzato dai nostri assistiti e nei due anni dalla sua nascita molti malati si sono convinti a uscire di casa e a incontrare altre persone nella loro condizione traendone un grande beneficio psicologico e creando delle amicizie durature tra di loro”. Tante le visite fatte nel 2016: Arazzi di Cosimo in Palazzo Vecchio, Museo Opera del Duomo, Galleria degli Uffizi, Museo Istituto degli Innocenti. E tante le visite in programma: Museo del '900, Cappella Brancacci e Chiesa di Santo Spirito, Museo di Santa Maria Novella, Museo del Cenacolo di Andrea del Sarto, mostra sul '500 a Palazzo Strozzi.

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa