:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Guerre, terremoti, tsunami: ecco come soccorrere le persone disabili

Terremoti, tsunami, guerra sono tutte cause di emergenza in campo umanitario, in particolare per le persone con disabilità, anziani compresi. In questi casi è stato calcolato che il loro rischio di morte è doppio, a volte il triplo. Il tema al centro del Festival della cooperazione internazionale di Ostuni

15 ottobre 2017

OSTUNI - Terremoti, tsunami, guerra sono tutte cause di emergenza in campo umanitario ma, accanto alla popolazione che ne viene colpita, ve ne è una minoranza, nemmeno tanto piccola dato che si parla mediamente del 15% del totale, che si trova più indifesa, sono le persone con qualche forma di disabilità, anziani compresi. In questi casi è stato calcolato che mediamente per le persone con disabilità il loro rischio di morte è il doppio, a volte il triplo. Di come affrontare le situazioni d'emergenza pensando anche alle persone con disabilità è il tema che ha caratterizzato la parte finale del Festival della cooperazione internazionale promosso da Aifo che si è svolto a Ostuni in Puglia. 

box “Secondo i nostri dati attualmente ci sono circa 250 milioni di abitanti colpiti da qualche forma di crisi e 65 milioni sono gli sfollati: un livello di crisi senza precedenti”. Chi fa questa affermazione è  Marta Collu funzionaria dell'Aics (Agenzia italiana per cooperazione allo sviluppo) struttura che al suo interno ha anche un ufficio - il settimo, Emergenza e stati fragili - espressamente dedicato agli interventi umanitari e con una particolare attenzione alle fasce deboli della popolazione.  Un'indagine sulla catastrofe avvenuta in Giappone nel 2011 ha dimostrato che a causa dell'onda di tsunami generata dal terremoto le persone con disabilità hanno avuto un tasso di mortalità doppio. Nel 2016 si è svolto a Istanbul il primo World Humanitarian Summit teso a sviluppare un’Agenda per l’Umanità, che impegni la comunità internazionale a proteggere la popolazione in caso di guerra e calamità naturali, dove è stata sottolineata l'importanza di occuparsi delle categorie più deboli di cittadini.


Michele Falavigna di Aifo ha spiegato in cosa consiste un altro accordo internazionale per la riduzione del rischio da disastri denominato Sendai, dal nome della più grande città giapponese devastata dallo tsunami e vicina anche alla centrale atomica di Fukushima. L'accordo prevede la partecipazione delle stesse persone disabili per quanto riguarda la sicurezza e pone l'accento sull'importanza di avere dei dati su quanto siano le persone con disabilità nelle zone colpite (dati che quindi vanno raccolti prima). “In Italia esistono già delle buone pratiche - ha raccontato Michele Falavigna - come è il caso delle Linee guida dei vigili del fuoco realizzate con la collaborazione delle persone con disabilità”.
In caso di emergenza umanitaria le persone disabili non possono essere trattate tutte allo stesso modo. Nel caso delle persone non vedenti ad esempio Paola De Luca di CBM Italia (Christian Blind Mission), una organizzazione non governativa che si occupa della cecità nel sud del mondo, ha presentato una recente applicazione (Humanitarian Hands-on Tool abbreviata in HHot) ) per gli operatori umanitari sul campo che serve proprio per gestire le emergenze. C'è da precisare che la app non tratta solo di questioni che riguardano i non vedenti ma anche tutte le disabilità, comprese le persone normodotate perché - dobbiamo ricordare - se si facilitano i soccorsi, i benefici sono per tutti.  Adottando questo criteri in definitiva si potranno salvare e aiutare molte più persone e non solo quelle con disabilità. (Nicola Rabbi) 

© Copyright Redattore Sociale

Tag: terremoto, tsunami, cooperazione internazionale, Disabilità

Stampa Stampa