:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Toscana, 900mila dosi di vaccini anti influenza

Al via nella regione la campagna di vaccinazione antinfluenzale, con l'obiettivo di vaccinare gratuitamente il maggior numero possibile di ultrasessantacinquenni, le persone appartenenti alla categorie a rischio e gli operatori della sanità

25 ottobre 2017

- FIRENZE - Al via in Toscana, come ogni anno, la campagna di vaccinazione antinfluenzale, con l'obiettivo di vaccinare gratuitamente il maggior numero possibile di ultrasessantacinquenni, le persone appartenenti alla categorie a rischio e gli operatori della sanità. Quest'anno le dosi acquistate dalla Regione sono oltre 900.000 (più 265.500 dosi di colecalciferolo, la vitamina D che viene offerta contestualmente alla vaccinazione antinfluenzale). Dal 16 ottobre Estar (Ente di supporto tecnico amministrativo regionale) ha avviato le consegne dei vaccini alle Asl, che si concluderanno il 27 ottobre (costo dei vaccini per la Regione, 5.241.000, Iva inclusa).

L'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi ha presentato stamani la nuova campagna, invitando gli over 65 e tutte le persone che per motivi di salute hanno necessità di vaccinarsi, a farlo senza paura. Era con lei Alessio Nastruzzi, segretario regionale della Fimmg (Federazione italiana medici di medicina generale), che assieme alle altre organizzazioni sindacali della medicina generale, impossibilitate a partecipare, sostiene convintamente la campagna  antifluenzale e in generale le politiche vaccinali di Regione Toscana. Venerdì prossimo sarà siglato a questo riguardo uno specifico accordo tra Regione Toscana e Medicina Generale.

"L'influenza è considerata, spesso a torto, una banale malattia febbrile - ha detto l'assessore Saccardi - Invece non va assolutamente sottovalutata, perché soprattutto negli anziani e nei soggetti a rischio può essere causa di complicanze gravi, anche letali. La vaccinazione è fortemente raccomandata dall'Oms e dal Piano nazionale di prevenzione vaccinale 2017-2019, perché è in grado di ridurre complicanze, ospedalizzazioni e decessi. Negli ultimi anni si è registrato un forte calo nelle vaccinazioni, in Toscana come nel resto d'Italia. Da noi il minimo storico si è toccato nella stagione 2014-15, con appena il 50,6% degli ultra65enni vaccinati, poi il trend è risalito, ma siamo ancora lontani dall'obiettivo minimo di copertura del 75%. Invito quindi gli ultra65enni e le persone a rischio a vaccinarsi con tranquillità, perché la vaccinazione non ha nessuna controindicazione".

 

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa