:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Arriva il primo poliambulatorio ad offerta libera: il sogno di Don Benzi

“La Filigrana” di Rimini verrà inaugurato domani, venerdì 3 novembre. Il centro concretizza il sogno di Don Oreste Benzi, morto nel 2007, di una società del gratuito: una realtà in cui i professionisti tengono per sé una parte delle proprie ricchezze e competenze, mettendo il restante gratuitamente a disposizione della cittadinanza

02 novembre 2017

- RIMINI -“Buongiorno dottore, vorrei prenotare una visita, quando è possibile?”, “Se non può pagare venga domani, altrimenti dovrà aspettare”. Un dialogo paziente-medico di questo tipo da oggi sarà possibile nel nuovo poliambulatorio “La Filigrana” di Rimini,  che verrà inaugurato domani, venerdì 3 novembre. Il centro concretizza il sogno di Don Oreste Benzi, morto il 2 novembre 2007, di una società del gratuito: una realtà nella realtà in cui i professionisti tengano per sé una parte delle proprie ricchezze e competenze, mettendo il restante gratuitamente a disposizione della cittadinanza. Il primo poliambulatorio ad offerta libera sarà infatti possibile grazie al fatto che i medici, tutti con un’attività professionale personale ben avviata alle spalle, offriranno le loro prestazioni gratuitamente. I pazienti in questo modo potranno rivolgersi al proprio specialista di fiducia, ma invece di pagare il ticket lasceranno un’offerta libera, secondo le possibilità. “Con un'offerta libera ad ogni prestazione il progetto si è autosostenuto dal 2015 come centro psico-pedagocico”, racconta Elisabetta Cimatti, psicologa - E dopo l’autorizzazione dell'Ausl si potrà venire anche per un’ecografia, per fare riabilitazione, per visite mediche internistiche ed agopuntura. Forniremo aiuto per superare le dipendenze, per la disabilità e per la maternità”. La dottoressa Cimatti sognava questo centro dal 2008: “Da allora ci siamo trovati una volta al mese fra psicologi, fisiatri e altri professionisti per un percorso di confronto e di condivisione delle competenze. Abbiamo capito che potevamo dare una risposta a chi non può pagare le visite mediche”. 21 Soci dell’Associazione La Filigrana hanno reso possibile la realizzazione del progetto. 

© Copyright Redattore Sociale

Tag: don benzi, gratuità, Povertà

Stampa Stampa