:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

"Ecomondo": la raccolta di abiti e scarpe usate diventa hi-tech

A Ecomondo (Rimini, 7-10 novembre) sarà presentato il contenitore digitale progettato dall’azienda veneta Eurven che dà info sul conferimento dei vestiti e un buono sconto per acquisti sostenibili. Ciò che viene raccolto sarà destinato al progetto “Clothes for love” di Humana e Auchan retail

06 novembre 2017

Raccolta abiti usati - ecomondo

RIMINI – È a forma di cuore, è rosso, ha un touch screen digitale e un sistema incentivante. È il nuovo contenitore per la raccolta di vestiti e scarpe usate realizzato dall’azienda veneta Eurven, per il progetto “Clothes for love” di Humana People to people e Auchan retail Italia, che sarà presentato a Ecomondo, la fiera della green economy che si tiene a Rimini dal 7 al 10 novembre. “Il contenitore che abbiamo realizzato per Humana è unico al mondo e rispetta al cento per cento i principi dell’economia circolare – ha spiegato Carlo Alberto Baesso, general manager di Eurven, leader nei sistemi di raccolta differenziata, compattazione e riciclo dei rifiuti – La nostra azienda crede da sempre nello sviluppo di tecnologie incentivanti e siamo leader del settore perché investiamo molto in progetti di ricerca e sviluppo che permettono di ridurre gli sprechi e trasformare un gesto di solidarietà e di tutela ambientale in un momento di dialogo con il cittadino”. Finora i contenitori “Clothes for love” si trovano a Milano (presso il punto vendita Simply, viale Corsica 21) e a Vimodrone (presso il Centro commerciale Auchan) e andranno in tour fino a fine gennaio 2018 in tutta la Lombardia. Durante Ecomondo sarà possibile provarli presso lo stand di Eurven (padiglione B2 – stand 008). 

La struttura dei nuovi contenitori è stata progettata dall’Istituto europeo di design (Ied) ed evidenzia la generosità che accompagna la donazione di abiti usati e l’attenzione all’ambiente. Il vano di inserimento dei vestiti non ha il maniglione basculante ma un’apertura anti-intrusione, inoltre sono presenti sensori volumetrici e un dispositivo di pesatura interna. Gli elementi distintivi del macchinario sono però il touch screen digitale che consente al cittadino di ottenere informazioni sul conferimento dei vestiti, sulla filiera Humana, sul progetto beneficiario e i partner e il sistema incentivante: dopo la donazione è infatti possibile selezionare dal monitor un buono sconto (stampato in tempo reale) per acquistare prodotti sostenibili come alimenti biologici, lampadine a basso consumo, prodotti e servizi di piccoli riparatori e botteghe che aderiscono al progetto. A questo buono se ne aggiunge un secondo di benvenuto da parte di Humana, come ulteriore riconoscimento al donatore. Infine, donando i propri abiti usati sarà possibile sostenere le attività di inserimento scolastico di Humana nella zona di Chilangoma in Malawi. “L’esperienza si è rivelata positiva – continua Baesso – A Milano, in poco più di 2 mesi, sono stati raccolti 787 chili di abiti usati, con 348 donazioni. L’obiettivo adesso è valorizzare questa esperienza portandola anche nel resto d’Italia”. 

A Ecomondo sarà possibile conoscere tutti gli aspetti pratici della raccolta differenziata incentivante: i sistemi di raccolta di vestiti usati, i sistemi per il recupero dei rifiuti elettronici e per la raccolta di capsule di caffè (che separano la parte in plastica, quella in alluminio e la frazione organica): oltre a compattare i materiali riciclabili come plastica e lattine in alluminio, i riciclatori permettono all’utente di scegliere un ecobonus e la tipologia del negozio preferito (farmacia, centro benessere, supermercato). Durante la fiera, presso i riciclatori Eurven sarà possibile ottenere, per ogni bottiglia di plastica vuota di qualunque marca e tipo conferita, una bottiglia di acqua Ferrarelle. “Con questa iniziativa Ferrarelle dimostra di essere l’acqua più green di Ecomondo – conclude Baesso – Rifiuto significa risorsa: ogni piccolo gesto virtuoso da parte dei cittadini va premiato e incentivato. In questo modo sarà più facile stimolarli a fare la raccolta differenziata e a prendersi cura ogni giorno dell’ambiente”. (lp)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Solidarietà

Stampa Stampa