:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Disabilità. In metropolitana la mostra dei quadri dipinti con la bocca o con i piedi

È stata allestita a Milano, lungo la Galleria Santa Radegonda della fermata Duomo: oltre 30 opere di 11 artisti di diversi Paesi. Esposti anche tre quadri di Simona Atzori

12 novembre 2017

MILANO - Ha due caratteristiche che la rendono quasi unica: è allestita lungo una delle gallerie della fermata Duomo della metropolitana milanese ed è una raccolta di quadri di artisti che dipingono con la bocca o con i piedi. Sono oltre 30 le opere di 11 artisti esposte con "Ability Art. La forza della differenza", visibile fino al 20 novembre lungo la Galleria Santa Radegonda, percorsa di fretta ogni giorno da migliaia di persone che scese da uno dei treni si dirigono verso l'uscita più lontana, quella che sbuca all'altezza dell'abside del Duomo. "Il rischio è di creare un ghetto o di suscitare pietismo - spiega Simona Bartolena, curatrice della mostra -. Qui in realtà ci troviamo di fronte a opere di artisti completi. E anzi l'ammirazione è maggiore proprio perché si tratta di opere realizzate senza le mani". E la mostra si propone quindi come momento di riflessione sul significato dell'arte e della sua capacità di superare le barriere, di dare spazio alla bellezza, alla creatività, di stimolare e valorizzare ogni talento.

- Ciascuno degli 11 artisti ha la sua storia artistica, spesso strettamente legata a quella della propria disabilità. C'è chi ha imparato a dipingere dopo aver perso l'uso delle mani, mentre altri, nati senza braccia o con gli arti superiori paralizzati, hanno trovato nell'arte la ragione di vita. E ciascuno a maturato stili personalissimi.
Si va dalle trasparenze di Serge Maudet ai volti espressivi di Simona Atzori, dal realismo di Jansz Christopher Keith alle visioni surrealiste di Luca Bucchi. Ci sono poi i quadri dedicati alla natura di Liu Jingsheng, i paesaggi di Santina Portelli, ai luoghi abbandonati di Vojko Gasperut, ai panorami eterei di Ann Lund Wahlberg, agli intensi volti animali di Theresa Mathias Helen, alle figure femminili di Ann Lund Wahlberg e alla rappresentazione urbana di Thomas Kahlau. Sono artisti dell'associazione internazionale "Vdmkf", che riunisce i pittori che dipingono con la bocca o con il piede. In Italia Ability Art promuove le loro opere, con la vendita di stampe e riproduzioni su oggetti dei loro quadri. (dp)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa