:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Il Parkinson si fa danza, in una domenica “come una volta”

Pomeriggio danzante il 19 novembre, alla discoteca Dorian Gray di Cadidavid, promosso dall’Unione Parkinsoniani di Verona. Obiettivo: promuovere la danzaterapia come strumento di cura e benessere per i malati

15 novembre 2017

ROMA – Ballare fa bene al corpo e alla mente: lo dimostrerà l’Unione Parkinsoniani Verona che, in collaborazione con il neurologo Luciano Deotto e la compagnia “Neuro per voi”, organizza per domenica 19 novembre (dalle 15.30 alle 18.30), un pomeriggio danzante alla discoteca Dorian Gray di Cadidavid. "Una domenica come una volta”, per mostrare i molteplici vantaggi che la danza può esercitare su chi ha il Parkinson. 

- “Di particolare interesse per gli ammalati parkinsoniani è la danza-terapia secondo il metodo di Maria Fux, danzatrice e coreografa argentina - spiega il presidente dell’Unione Parkinsoniani Verona, Gianluigi Veronesi - Essendo neurodegenerativa, la malattia compromette nel tempo la qualità di vita del paziente, il cammino, la coordinazione dei movimenti e causa disturbi posturali". Attraverso la danza creativa che nasce dall’individuo e si estende al gruppo con stimoli relazionali ed espressivi - prosegue Veronesi - il metodo Fux aiuta a stimolare le funzioni residue, aumenta l’autostima e una visione positiva delle proprie capacità, riapre la disponibilità alle relazioni sociali precedentemente accantonate”. 

La musica infatti risveglia emozioni, favorisce la socializzazione, innesca ricordi legati a momenti felici, incoraggia le persone ad avere un atteggiamento positivo e a cercare di superare i propri limiti. Tendenza dei pazienti è invece quella di ridurre il movimento ed isolarsi dall’attività sociale. In questo caso è la danza, con la sua capacità riabilitativa e la sua componente ludica, a sfidare la malattia. “Con buoni risultati”, assicura Veronesi. 

Il ricavato dell’evento sarà devoluto all’associazione, alla quale fanno riferimento 400 iscritti tra simpatizzanti, familiari e persone (sono circa la metà) con la patologia. Finalità dell’Unione, in sinergia con la federazione Parkinson Italia, è divulgare una corretta ed esauriente informazione sul Parkinson, in particolare per quanto riguarda l’approccio terapeutico, oltre a sostenere la ricerca. 

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Parkinson

Stampa Stampa