:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Adozioni, appello al Governo: "Istituire un servizio per la ricerca dei genitori biologici"

Dopo il nuovo servizio lanciato in Toscana, l’assessore regionale Saccardi si rivolge direttamente al Sottosegretario Boschi per estendere l’iniziativa a livello nazionale: “Tutti i figli adottati hanno il diritto di ricercare le proprie origini”

17 novembre 2017

FIRENZE – “Tutti i figli adottati dovrebbero avere la possibilità di risalire ai propri genitori biologici. Per questo lanciamo una propsota al Governo, e nello specifico al Sottosegretario Maria Elena Boschi, affinché istituisca un servizio nazionale per supportare le persone adottate nella ricerca delle proprie origini”.

- A lanciare la proposta è l’assessore regionale toscano alle politiche sociali Stefania Saccardi, a pochi giorni dalla Giornata dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, che il Governo ha scelto di celebrare all’Istituto degli Innocenti di Firenze. E proprio da Firenze e dalla Toscana, partirà il primo servizio in Italia per accompagnare le persone adottate nel percorso di ricerca dei genitori biologici, un servizio realizzato dall’Istituto degli Innocenti su finanziamento della Regione. 

"I figli adottivi che avevano desiderio di rintracciare le proprie origini e risalire ai propri genitori biologici si trovavano finora completamente soli in questa ricerca – ha detto l’assessore Saccardi – Attraverso questo nuovo servizio, si mette a loro disposizione un team di esperti in grado di affiancarli e sostenerli in questo percorso. Ma questo sarà possibile soltanto per quei figli adottivi il cui percorso è passato dall’Istituto degli Innocenti, mentre resteranno esclusi tutti gli altri. Per questo – ha concluso – è importante che il Governo, a partire proprio dal modello toscano, estenda questa possibilità su tutto il territorio nazionale per garantire questo diritto a tutte le persone adottate”.

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa