:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

"Rise Up!": due giorni di musica e parole per Castelluccio di Norcia

Il festival letterario “Borgate dal vivo” chiude a Torino con un evento a favore del borgo umbro devastato dal terremoto: i proventi per realizzare uno spazio di aggregazione da cui, nel 2018, ripartirà la rassegna. Ascanio Celestini: “Gli artisti chiamati a illuminare luoghi”

24 novembre 2017

Ascanio Celestini. Foto di Lucia Baldini
Ascanio Celestini

ROMA – “La periferia viene vista quasi sempre come un luogo da recuperare, dove portare qualcosa, ma più come beneficenza che come vera progettualità.  E quindi l’idea è di rovesciare questa situazione e pensare: facciamo nelle periferie, nei borghi, nelle borgate quello che al centro già c’è. E non, appunto, l’avanzo della produzione culturale delle grandi città”. Ci sarà anche Ascanio Celestini, con il suo carico di umanità, poesia e genialità, a “Borgate dal vivo”, il primo festival letterario delle borgate alpine, che chiude la sua seconda edizione con “Rise Up! - musica e parole per Castelluccio di Norcia”: un grande evento dedicato al borgo che domina l’omonima piana umbra, famoso nel mondo per la fioritura d’inizio estate, profondamente ferito dal terremoto che ha colpito il centro Italia nel 2016.

“Per dare continuità al tema della rinascita, che ha caratterizzato l’edizione 2017 – si legge nella presentazione della rassegna -, Borgate dal vivo organizza un evento che mette insieme, sabato 25 e domenica 26 novembre, sul palco delle Officine Grandi Riparazioni di Torino (Ogr), scrittori e musicisti per Castelluccio di Norcia. Abbiamo scelto le Ogr perché sono un luogo bellissimo, appena riaperto dopo anni di abbandono, strettamente connesso con il tema della rinascita”. I proventi saranno devoluti alla onlus “Per la Vita di Castelluccio di Norcia” e verranno utilizzati per la creazione di uno spazio di aggregazione. “Da quello stesso spazio, che aiuteremo a ricostruire sottolineano i promotori -, partirà l’edizione 2018 di Borgate dal vivo”.

“Ho conosciuto gli organizzatori di Borgate dal vivo pochi mesi fa a Oulx – racconta Ascanio Celestini a Redattore Sociale -. Nel corso di una tournée estiva i luoghi si somigliano quasi tutti. L’impegno principale è nel fare un bello spettacolo. Più che al luogo nel quale reciti, ti senti partecipe di una comunità che è composta soprattutto da persone. Le stesse che potresti incontrare in qualsiasi altro luogo. Ma questo è un progetto differente. Né migliore, né peggiore di altri. Differente. Gli spettatori sono invitati a visitare luoghi che stanno perdendo la propria ragion d’essere come oggetti smarriti che sono accatastati in qualche magazzino. Gli artisti sono chiamati a indicare l’uso di quegli oggetti, ad accendere una lampadina che li illumini un poco”.

“L’evento alle Ogr di Torino – spiega Ascanio Celestini - dà questa opportunità ad un borgo lontano dal Piemonte: Castelluccio di Norcia. Un modo per ricordare, ma anche per sostenere la piccola comunità che tutela un borgo unico in Italia. Io sarò sul palco con Riccardo Sinigallia e parlerò di borgate vere e immaginarie a partire da quella nella quale sono nato, in periferia di Roma”.

Il programma: si inizia sabato 25 novembre con il concerto dei Marlene Kuntz. Mentre domenica 26 musica e letteratura si intrecceranno dialogando insieme sul tema del festival. Gli autori coinvolti leggeranno un brano sul tema della rinascita e i racconti saranno accompagnati da grandi musicisti. Sara Zambotti (Caterpillar – Radio 2) condurrà la serata e dialogherà, tra gli altri, con Claudia Ricci, vicepresidente della onlus Per la vita di Castelluccio di Norcia. Offrirà il proprio contributo Nicola Lagioia (direttore editoriale del Salone Internazionale del Libro di Torino), che racconterà la storia di rinascita del Salone di Torino e leggerà un testo accompagnato dalla chitarra di Adriano Viterbini.

Ascanio Celestini sarà accompagnato alla chitarra da Riccardo Sinigallia e al basso da Laura Arzilli. Il “Talking Strings Duo” (Dado Moroni al pianoforte, Luigi Tessarollo alla chitarra, special guest Ares Tavolazzi al contrabbasso), contrappunterà le letture delle scrittrici Antonella Lattanzi e Daniela Mattalia. Giulia Blasi ed Elena Varvello leggeranno testi sulla rinascita accompagnati alla chitarra da Giorgio Mirto, che si esibirà, poi, in duetto con Tommaso Cerasuolo, voce dei Perturbazione.

L’autore di graphic novel Michele Petrucci racconterà la sua esperienza di marchigiano colpito dal terremoto, oltre al lavoro sul suo ultimo libro dedicato a Reinhold Messner. Lasciandosi ispirare dalle parole e dalla musica disegnerà dal vivo.

Federico Sirianni canterà alcuni brani accompagnato al violino da Elisabetta Bosio e Veronica Perego al contrabbasso; Saulo Lucci proporrà la sua personale lettura di un canto dell’Inferno in “Hell o’ Dante”; la Lettrice vis à vis – Chiara Trevisan tesserà un filo tra i diversi testi presentati questa estate nel corso della seconda edizione di Borgate dal vivo. Tutti i musicisti presenti alla serata si esibiranno anche in un breve show musicale. Saliranno sul palco anche Francesco Di Candio, project leader della piattaforma di crowdfunding Eppela che descriverà l’impegno per le zone terremotate della principale piattaforma italiana e Nicola Ricciardi, direttore artistico delle Ogr, oltre ad Alberto Milesi, direttore artistico e di produzione di Borgate dal vivo che insieme a Claudia Ricci spiegheranno come saranno usati i fondi raccolti per la serata. (Teresa Valiani)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa