:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Gori: “Spezzare il legame tra non autosufficienza e impoverimento”

Il sociologo ha aperto i lavori della nona edizione del Forum sulla non autosufficienza di Bologna. “Siamo nell’età delle aspettative incerte, non del declino sicuro. Serve impegno di tutti per far diventare il tema della non autosufficienza una priorità”

22 novembre 2017

- BOLOGNA - Anziani che non accedono alle residenze sanitarie o ai servizi domiciliari territoriali perché non se lo possono permettere, ma non abbastanza poveri per avere diritto all’esenzione. Famiglie non abbastanza ricche per poter pagare una badante né abbastanza povere per accedere ai servizi. Indennità di accompagnamento troppo bassa per i casi più gravi: in Italia è pari a 515 euro per tutti, mentre in altri Paesi è modulata in base alla gravità. Il nesso tra non autosufficienza e impoverimento è uno dei problemi che emergono a livello territoriale quando si parla di anziani non autosufficienti e servizi. “Gli anziani oggi costituiscono la fascia di popolazione più protetta rispetto alla povertà e che ha sofferto in misura meno acuta della recente crisi economica – ha spiegato Cristiano Gori, sociologo dell’Università di Trento, nell’intervento di apertura della nona edizione del Forum sulla non autosufficienza (e sull’autonomia possibile) che si sta svolgendo a Bologna –. Il rischio di povertà non colpisce indistintamente gli anziani, ma si rivolge in modo particolare a quelli non autosufficienti e alle loro famiglie”. Lo dicono anche i dati: nel 2006 le famiglie in povertà assoluta in Italia erano il 3,5%, nel 2016 sono il 6,3%. Le famiglie con almeno un anziano in povertà assoluta nel 2006 erano il 5%, oggi sono il 3,9%. Il rischio di cadere in povertà è più alto (più del doppio rispetto alla popolazione di riferimento) nei nuclei con persone anziane in cui la spesa per la cura supera il 20% del reddito familiare. “Le attuali politiche per la non autosufficienza si preoccupano della povertà ma non hanno tematizzato la connessione tra non autosufficienza e rischio di impoverimento – ha proseguito Gori –. Bisogna spezzare questo legame, trovare un’equilibrio perché ognuno possa contribuire in base alle proprie possibilità”.

Altro problema è l’inadeguatezza dei servizi di accompagnamento degli anziani nel percorso di assistenza, a partire dalla presa in carico. “La prima cosa che chiedono le famiglie non è l’erogazione diretta del servizio ma l’accompagnamento al servizio, le informazioni– afferma Gori –. Eppure, anche se è riconosciuto dagli anni Novanta e in tutte le politiche, spesso il servizio di informazione, sostegno all’accesso, counseling, non è adeguato. È la prima vittima dei tagli ai finanziamenti”. Si tratta di un problema che non riguarda solo l’Italia, ma anche altri Paesi con sistemi di welfare più strutturati, “ma è una priorità ed è necessario individuare gli ostacoli, che riguardano la spesa pubblica, l’organizzazione, la difficoltà di andare verso la comunità, e disegnare risposte appropriate”.

Diversificare la tipologia dei servizi. Il sistema dei servizi per la non autosufficienza ha vissuto la massima esplosione tra il 2000 e il 2010, poi la crisi ha messo in discussione tutto. “L’unico servizio che è cresciuto dopo il 2010 è l’assistenza domiciliare integrata, tutti gli altri sono calati – spiega Gori – e oggi nei territori ci si chiede se ci possiamo permettere il livello di qualità a cui siano arrivati”. Nei servizi di residenzialità la priorità è l’intensità della risposta che si dà alle persone, più che la copertura. Mentre nell’assistenza domiciliare integrata è il contrario: si punta sul numero di persone raggiunte. “In gran parte della regioni si incrementa l’utenza sull’assistenza domiciliare integrata, non erogando un numero di prestazioni medio per anziano adeguato, mentre sulla residenzialità non cresce l’utenza ma l’intensità, ogni anziano richiede più assistenza – continua –. C’è un enorme spazio tra questi due opposti al cui interno si può rimodulare la rete dei servizi”.

“Siamo nell’età delle aspettative incerte, non del declino sicuro – ha concluso Gori – Cosa succederà nei prossimi anni dipende da quale attenzione la politica darà a questi temi. Come ci insegna la povertà, su cui negli ultimi tre anni si è concentrato il dibattito politico, bisogna far uscire il tema e con l’impegno di tutti, farlo diventare una priorità”. (lp)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa