:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

“L’amicizia non ha età”, i giovani realizzano calendario con gli aneddoti degli anziani

Le esperienze raccontate dagli anziani e raccolte dai ragazzi, a Massa Marittima (Gr) sono diventate un calendario per il 2018, intitolato “L’amicizia non ha età”

24 novembre 2017

- FIRENZE - Le esperienze, i ricordi, gli aneddoti, le storie: raccontate dagli anziani e raccolte dai ragazzi, a Massa Marittima (Gr) sono diventate un calendario per il 2018, intitolato “L’amicizia non ha età”. Il calendario, che verrà presentato il 6 dicembre alle ore 17 alla Sala “Mariella Gennai” all’ex Convento delle Clarisse, arriva a conclusione di un laboratorio che ha visto protagonisti gli studenti della II C dell’anno scolastico 2016/2017 della scuola media dell’Istituto comprensivo “Don Curzio Breschi” – con loro la professoressa d’italiano Simonetta Noferi - e una ventina di “nonni” ospiti della Residenza assistenziale (RA) “San Giuseppe”, gestita dalla cooperativa Cuore Liburnia Sociale (CLS).

Il progetto, incentrato sul tema dell’autobiografia, si è sviluppato durante lo scorso anno scolastico: da ottobre 2016 a giugno 2017 i ragazzi sono andati in visita alla struttura, per conoscere gli anziani ospiti, entrare in confidenza con loro, ascoltare i loro racconti. “Inizialmente gli incontri avvenivano una volta alla settimana, poi una volta al mese – afferma Michela Pini, educatore responsabile della RA San Giuseppe -.

L’amicizia non ha età - Calendario

È sempre stato un momento molto atteso, non soltanto dagli anziani, desiderosi di trascorrere del tempo con i ragazzi, ma anche dai più piccoli. A un certo punto, infatti, sono stati proprio gli studenti a chiedere in maniera autonoma di poter venire a trovare i nonni anche di pomeriggio”.

Da questo scambio tra le generazioni è nata innanzitutto una vera amicizia. E poi un calendario che raccoglie le storie raccontate da undici “nonni” e messe per iscritto dagli alunni della II C e che affrontano vari temi: il matrimonio, la famiglia, il lavoro, la guerra. Accanto a ogni storia c’è un ritratto dell’anziano o dell’anziana disegnato dai ragazzi. Ci sono poi alcuni commenti degli studenti coinvolti nel progetto. Scrive ad esempio Matteo: “I primi giorni non sapevamo che cosa dire, ma ora che ci conosciamo da vari mesi, parliamo come tra amici”. Dice Sonia: “Mi sono ricordata della mia povera nonna, di quando stavo con lei, del suo modo di parlare. Di lì si è creato un legame speciale”.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa