:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

"Diversamente uguali", in Toscana il meeting dei diritti umani

Mercoledì 13 dicembre appuntamento al Nelson Mandela Forum con centinaia di studenti. Quest’anno si parlerà di disuguaglianze tra ricchi e poveri, tra italiani e stranieri, tra uomini e donne, tra vecchie e nuove generazioni.

12 dicembre 2017

FIRENZE - Torna il Meeting toscano dei diritti umani, iniziato nel 1997 e che festeggia quest'anno la sua ventunesima edizione. L'appuntamento è ancora una volta al Mandela Forum di Firenze, mercoledì 13 dicembre, ed anche quest'anno arriveranno più di ottomila gli studenti e insegnanti da tutta la Toscana. Ottantacinque scuole in tutto, tra medie e superiori. Alcuni, dall'Elba e dalla Garfagnana, partiranno probabilmente all'alba. 

Il tema al centro dell'edizione di quest'anno sarà la disuguaglianza, con le sue molteplici declinazioni: disuguaglianze tra ricchi e poveri, tra italiani e stranieri, tra uomini e donne, tra vecchie e nuove generazioni. Diseguaglianze economiche, per provenienza e di genere. Nel mondo e nella vita siamo infatti sicuramente diversi, ma la diversità dovrebbe essere una ricchezza e non diventare un ostacolo o una condizione di discriminazione. "Diversamente uguali, come efficacemente sintetizza il titolo dell'edizione di quest'anno. Uguali anzitutto rispetto ai diritti e nella dignità, anche se purtroppo non sempre accade. Anche in Italia e non solo in qualche paese remoto nel mondo.

"Un italiano su tre è a rischio di povertà e emarginazione – anticipa la vice presidente della Toscana, Monica Barni -.  In Italia lo stipendio medio delle donne è la metà di quello degli uomini e troppo spesso vanno all'università solo i figli di laureati". "Consegneremo - aggiunge - a tutti i ragazzi una copia della Costituzione e della Dichiarazione universale dei diritti umani, di cui ricorrono nel 2017 settanta e sessantanove anni. E' necessaria un'attenzione consapevole e il meeting è uno dei pezzi di un puzzle articolato di interventi che stiamo mettendo in atto, coordinando più azioni per far massa critica e aiutare una svolta che è anche culturale". 

Info e programma su www.toscana-notizie.it

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa