:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Londra, il sindaco contro il gap di reddito per le minoranze etniche

Sadiq Khan, primo cittadino londinese di origine pakistana, ha intenzione di pubblicare i dati sul divario di stipendio per neri, asiatici e minoranze tra gli impiegati del Municipio e nella Greater London Authority, come già aveva fatto con le differenze reddituali tra uomini e donne

12 dicembre 2017

_ LONDRA – “Sono orgoglioso che Londra sia una delle più diverse e progressiste città del mondo. La capitale è sempre stata all’avanguardia nel combattere per uguali diritti e contro le ingiustizie nel Paese per generazioni. Noi giustamente sosteniamo la ricchezza che la diversità porta nella nostra città ma troppo spesso alcune persone nella comunità Bame (black, asian and minority ethnic ovvero neri, asiatici e minoranze etniche) guadagnano meno rispetto agli altri londinesi. Fino a quando questa ingiustizia proseguirà, sarà una cicatrice per la nostra città e io sono determinato a fare tutto quello che posso per contrastarla”. Sadiq Khan, sindaco di Londra, ha promesso di essere di esempio sulla questione del gap di stipendio tra i cittadini neri, asiatici o appartenenti ad altre minoranze etniche, combattendo le ineguaglianze.

Il suo obiettivo? Pubblicare i dati sulle differenze di reddito che riguardano la comunità Bame tra gli impiegati del Municipio e all’interno della Greater London Authority (Gla, l’Autorità della grande Londra, l’amministrazione di Londra capitale) e promuovere cambiamenti per affrontarle. 

Lo scorso anno, Khan ha promosso un’ispezione nelle organizzazioni che fanno parte della famiglia Gla, tra cui l’Azienda dei trasporti e la Polizia metropolitana, e un cambiamento nelle modalità di assunzione. I risultati hanno rivelato che le donne impiegate nel Municipio con contratti a tempo pieno guadagnano in media 21,40 sterline all’ora contro le 22,44 dei loro colleghi uomini, il che equivale a un gap del 4,6%. “Le cause del gap nella comunità Bame possono essere molto radicate e gli effetti si hanno non solo sulle persone stesse ma anche sulle loro famiglie e sulle loro prospettive per il futuro – ha detto il sindaco – Contrastarlo è combattere l’ingiustizia e l’ineguaglianze, ed è il motivo per cui mi rifiuto di stare a guardare e lasciare che questa situazione vada avanti”. Per questo Khan pubblicherà i dati e un piano di azione per affrontare questo problema. “Sarò di esempio e chiedo a tutte le aziende di Londra di unirsi a me nel fare ciò che possono contro questa ingiustizia”. 

Positivi i commenti alle parole del sindaco. “È fantastico che il sindaco pubblichi i dati sul divario di reddito. È fondamentale per permettere alle organizzazioni di identificare qualsiasi divario e prendere misure per contrastarlo. Questo dimostra che l’impegno del sindaco per la diversità va avanti”, ha detto Sandra Kerr di Business in Community. “Il sindaco è determinato a combattere le discriminazioni ed è per questo che presto pubblicheremo in dettagli sul divario di reddito su base etnica in Municipio – ha detto Matthew Ryder, responsabile per l’integrazione sociale, la mobilità sociale e la comunità – Spero che altre organizzazioni pubbliche e private seguano l’esempio del sindaco. Ci serve una fotografia accurata del problema per poter creare un ambiente di lavoro giusto per tutti, appropriato per una città aperta, globale, diversa”. (lp)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: migranti

Stampa Stampa