:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Accoglienza migranti, 60 borse di studio all’estero per giovani neodiplomati toscani

Progetto realizzato da FormAzione Co&So Network in partenariato con Cesvot, Reattiva e Confcooperative Toscana, nell’ambito del programma “Erasmus+ INTEGR8”. Destinatari sono giovani diplomati che potranno fare un tirocinio formativo di tre mesi in Spagna, Germania, Malta e Regno Unito

13 dicembre 2017

- FIRENZE - Sessanta borse di studio all’estero per formare giovani neodiplomati toscani nell’accoglienza migranti. E’ il progetto realizzato da FormAzione Co&So Network in partenariato con Cesvot, Reattiva e Confcooperative Toscana, nell’ambito del programma “Erasmus+ INTEGR8” destinato ai giovani appena usciti dagli Istituti Tecnici e Professionali del settore dei Servizi Sociali e Socio-sanitari e dei Licei delle Scienze Umane. Tre mesi di tirocinio formativo in Spagna, Germania, Malta e Regno Unito per acquisire e migliorare competenze professionali necessarie a lavorare con i richiedenti asilo e le persone sotto protezione umanitaria e migliorare la conoscenze linguistiche. Un’esperienza umana e formativa fondamentale per i ragazzi toscani che decidono di lavorare in questo settore.

La domanda dovrà essere presentata entro il 31 gennaio 2018, compilando il modulo online disponibile sul sito www.formazionenet.eu oppure sul sito www.coeso.org. Per informazioni, ForMAzione Co&So NEtwork 0554222167 - 055 4476026.
“Il progetto promosso da Erasmus+, è fondamentale per aiutare l’inserimento lavorativo di giovani – spiega Patrizia Giorio, presidente FormAzione Co&So Network -  In linea con gli obiettivi dell’Agenda Europa 2020, è una grande opportunità per i  neodiplomati e rafforza il loro senso di identità e di cittadinanza europea.  Formazione Co&So network intende formare in chiave europea 60 giovani che  potranno poi, in futuro, collaborare con le cooperative che appartengono alla nostra rete”.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa