:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Alternanza scuola-lavoro, ecco le novità. Fedeli: "Sfida per il Paese"

Una piattaforma per la trasparenza dei progetti, un "bottone rosso" per segnalare incongruenze e un corso online sulla sicurezza sui luoghi di lavoro. Sono le novità presentate oggi dal ministro dell'Istruzione, Valeria Fedeli, agli Stati generali dell'alternanza scuola-lavoro svolti questa mattina nel dicastero a Trastevere

16 dicembre 2017

box ROMA - "Una piattaforma accessibile a tutti per la trasparenza dei progetti ma anche per semplificare tutte le procedure. Un bottone rosso a cui gli studenti possono accedere per segnalare eventuali incongruenze tra il progetto definito e la sua attuazione. E poi un corso gratuito che l'Inail ci fornisce online per la sicurezza sui luoghi di lavoro". Così il ministro dell'Istruzione, Valeria Fedeli, spiega le novità presentate agli Stati generali dell'alternanza scuola-lavoro svolti questa mattina nel dicastero a Trastevere.

"La Carta dei diritti e dei doveri - ha aggiunto il ministro - ormai è stata validata da tutti gli organismi. Presentiamo anche l'opzione di accompagnare e monitorare nei prossimi mesi tutta l'attività di attuazione, formando un osservatorio con tutti gli stakeholder in modo tale che guardiamo, implementiamo e verifichiamo meglio anche le linee guida nazionali sull'alternanza e anche i diversi progetti. Quindi un monitoraggio collettivo - ha continuato Fedeli - un'assunzione di responsabilità che chiediamo a tutti, anche di chi accoglie gli studenti in alternanza perché è una sfida del paese, non è una sfida solo dell'amministrazione". Il ministro, inoltre, ha risposto anche alle proteste degli studenti. "Stiamo evitando lo sfruttamento - ha detto Fedeli -, ma rilanciando la funzione proprio dell'alternanza che è un'innovazione didattica. Credo che anche i loro rappresentanti valuteranno. Poi credo che anche loro devono rendersi conto che la tanta esperienza fatta in giro è a larghissima maggioranza corrispondente alle finalità di alternanza cioè un innovazione didattica e ogni punto in cui invece non viene attuata evidente che dobbiamo superarla".

Critica la Cgil. secondo cui, l'alternanza scuola-lavoro, "così come è partita, non risponde agli obiettivi che dovrebbe avere - ha spiegato la segretaria generale Cgil, Susanna Camusso, intervenuta agli Stati Generali dell'alternanza scuola-lavoro -. Bisogna costruire un serio percorso di definizione della finalità, un serio percorso di salvaguardia del fatto che sono studente non sono lavoratori che possono venire sfruttati o non retribuiti perché stanno facendo un percorso di istruzione". Per Camusso, c'è bisogno che oltre ai programmi delle scuole "ci sia anche il rapporto con i luoghi di lavoro, la contrattazione nei luoghi di lavoro. Quello che noi oggi faremo è presentare delle linee guida sulla contrattazione della nostra organizzazione". Per il segretario generale Uil, Carmelo Barbagallo, "bisogna cambiare anche la scuola, a partire dal fatto che bisogna ricostruire un'impostazione che dia risposte per la legalità contro il bullismo e per i nuovi lavori e le nuove competenze". Secondo Barbagallo, "non e' pensabile che il nostro Paese, nonostante la disoccupazione giovanile, abbia circa 200mila posti di lavoro vuoti perché non ci sono le competenze professionali. Dobbiamo quindi fare di tutto per cambiare le cose". Per Gianluigi Petteni, segretario confederale e responsabile Politiche del lavoro e dell'istruzione Cisl, l'alternanza scuola-lavoro "è una sfida da vincere per i giovani e per il paese. Dobbiamo creare le condizioni perché la possibilità dei giovani di incontrare in un percorso didattico il lavoro sia fatto in modo bene, in modo opportuno". Sulla carta dei diritti e dei doveri presentata agli Stati generali è intervenuto anche Erino Colombi, vicepresidente Cna, secondo cui "è fondamentale per avere un rapporto chiaro e distinguere quello che è il lavoro e qual è il percorso formativo dei ragazzi gli studenti che entrano nel mondo delle piccole aziende".

(DIRE)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: alternanza

Stampa Stampa