:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Alzheimer, un gps per localizzare gli anziani che si perdono

E’ il nuovo apparecchio che sarà utilizzato in Toscana grazie a un’iniziativa di Prefettura, Regione, Aima e Penelope Onlus

18 dicembre 2017

- FIRENZE – Per localizzare gli anziani che si perdono nasce un gps capace di segnalare la loro posizione e aiutare le famiglie nei soccorsi. E’ stata la prefettura di Firenze a dare il via al progetto, in collaborazione con la Regione Toscana, l’associazione dei malati di Alzheimer Aima e Penelope onlus della Toscana. Come raccontato in un articolo sull’edizione fiorentina della Repubblica, l’apparecchio prevede che queste persone vengano dotate di un dispositivo di geolocalizzazione, che consenta di individuare la loro posizione con il gps e fornire tutte le informazioni necessarie attraverso una scheda sim. Se la persona scompare i familiari avvertono un centro di monitoraggio attivo 24 ore che localizza la persona scomparsa, attivando poi le forze di polizia, il servizio sanitario e del volontariato. 

“Con il progressivo invecchiamento della popolazione – ha detto a Repubblica l’assessore alle politiche sociali della Regione Stefania Saccardi - anche il fenomeno della scomparsa di chi è affetto da patologie neurodegenerative, che danno origine a perdita delle memoria o disorientamento spaziale, è purtroppo in crescita. Questo fenomeno mette a rischio l’incolumità e qualche volta la vita stessa di queste persone, nella maggior parte anziani, e la serenità delle loro famiglie”. 

Il dispositivo di geolocalizzazione sarà acquistato da Aima, che lo darà in comodato al beneficiario, a carico del quale resterà il costo di attivazione della scheda Sim. La prefettura fiorentina invece si impegna a sensibilizzare le forze dell’ordine perché collaborino attraverso le sale operative. La Regione, scrive ancora Repubblica, divulgherà il progetto di geolocalizzazione su tutto il territorio, coinvolgerà le Asl e più in generale tutto il sistema sanitario toscano. L’associazione Penelope darà invece il supporto psicologico e l’assistenza legale alle famiglie delle persone scomparse.

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa