:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Lavoro, i supermercati Unicoop chiusi a Natale e Capodanno

La posizione della cooperativa è “chiaramente contro la concezione del lavoro continuo e del servizio continuo, un modello che crea conflitto fra chi produce e chi consuma e relega all’ultimo posto la socialità e le relazioni”

22 dicembre 2017

- FIRENZE - Feste in famiglia per clienti, soci e dipendenti Unicoop Firenze. I punti vendita della cooperativa saranno chiusi per Natale, Santo Stefano, Capodanno ed Epifania. Sono quattro delle dieci festività di chiusura garantita dal nuovo piano di aperture festive della cooperativa, presentato la scorsa primavera per “soddisfare i bisogni, senza forzare i consumi”.

Unicoop Firenze, anche in risposta alle sollecitazioni dei lavoratori, la scorsa estate ha modificato la politica di aperture festive, nell’ottica di tenere insieme etica ed impresa, valori cooperativi e sostenibilità economica. La linea della Cooperativa garantisce la chiusura nelle dieci festività “comandate” religiose e civili e, durante l’anno, l’apertura domenicale limitataalla sola mattina nel 40% dei punti della rete di vendita, con relativa chiusura dell’intera giornata dell’altro 60% dei punti di vendita. Fra le festività di chiusura garantita Natale, Santo Stefano, Capodanno e l’Epifania, tutte date in cui parte della concorrenza resterà aperta, a discapito della qualità della vita dei dipendenti.

La posizione della cooperativa è “chiaramente contro la concezione del lavoro continuo e del servizio continuo, un modello che crea conflitto fra chi produce e chi consuma e relega all’ultimo posto la socialità e le relazioni. Al contrario Unicoop Firenze lavora costantemente per riaffermare il principio che non si può sacrificare tutto in nome dei consumi e dell’eccesso di servizio e punta a rimettere al centro elementi valoriali come quelli legati alla qualità della vita delle persone”.

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa