:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

La "falesia dimenticata" rinasce: arrampicate anche per i climbers disabili

Il progetto, promosso dall'associazione "Dolomiti Open" con Sportfund onlus, si pone l'obiettivo di riaprire, entro la primavera, la parete di roccia da tempo chiusa. 32 mila euro del dipartimento Pari Opportunità. Previsti itinerari per alpinisti con disabilità

05 gennaio 2018

Foto Dolomiti Open
Falesia dimenticata, arrampicata disabili

TRENTO – Riconosicmento, ma anche finanziamento per l’associazione “Dolomiti Open” e il duo progetto “Falesia dimenticata” di San Lorenzo in Banale: il dipartimento per le pari opportunità presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha infatti deciso di sostenere con una somma di 32 mila euro questa iniziativa, destinata alle persone con disabilità ma anche alla tutela dell'ambiente, perché restituisce alla collettività un’area di particolare pregio inserita nel Patrimonio dell’Unesco delle Dolomiti di Brenta. 

L’iniziativa ha ricevuto dal Dipartimento uno dei punteggi più alti a livello nazionale, classificandosi al terzo posto su 628 domande provenienti dalle diverse regioni d'Italia e addirittura al primo posto nella linea di intervento dedicata allo sport (su 196 progetti presentati). Si è trattato, peraltro, dell'unico progetto proveniente dal Trentino. 

- “Dolomiti Open” sta aprendo i sentieri delle cime più conosciute delle Dolomiti di Brenta a escursionisti con esigenze speciali, come ragazzi diabetici, con disabilità psichiche e motorie. Il progetto “La falesia dimenticata”, in cui l'associazione è impegnata insieme a Sportfund,si propone di acquistare e ripristinare questa parete di roccia a San Lorenzo in Banale, un tempo molto frequentata dai climber ma poi schiodata e chiusa al pubblico dal proprietario del terreno. L'associazione si porpone non solo di riaprirla, ma di proporre qui degli itinerari di arrampicata per i disabili. La parete è stata acquistata grazie alla racoclta fondi e sono già iniziati i lavori di pulitura dell’area e delle pareti. Il prossimo passo sarà la realizzazione delle necessarie strutture di accoglienza, in particolare i servizi igenici e le vie di accesso per i disabili, per i quali l’associazione ha ottenuto il finanziamento governativo. L'apertura al pubblivo è preista per la prossima primavera: una volta terminati i lavori, la falesia sarà a disposizione gratuitamente e illimitatamente nel tempo.

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Accessibilità

Stampa Stampa