:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

A Careggi l'app per "monitorare" le operazioni chirurgiche

L'app per smartphone e tablet "Careggi smart hospital" si arricchisce di una ulteriore funzione: d'ora in poi, sarà possibile seguire su telefono o 'tavoletta' l'evoluzione di un intervento chirurgico

05 gennaio 2018

- Firenze - L'app per smartphone e tablet 'Careggi smart hospital' si arricchisce di una ulteriore funzione: d'ora in poi, i toscani potranno seguire in tempo reale sul proprio telefono o sulla propria 'tavoletta' l'evoluzione di un intervento chirurgico. A presentare la novita' e' l'assessore regionale per il diritto alla Salute, Stefania Saccardi: "È una funzione che si aggiunge a una app che gia' esiste in relazione all'ospedale di Careggi- spiega-. Era gia' possibile prenotare esami, scaricare i referti, pagare i ticket. Da oggi ci sara' la possibilita' di monitorare direttamente dal cellulare o dal tablet che cosa sta accadendo in una sala operatoria".

Attraverso un codice numerico identificativo del paziente, i familiari e i conoscenti potranno verificare l'evoluzione di un intervento chirurgico. "Era possibile farlo attraverso gli schermi che sono presenti nel nuovo padiglione dell'ospedale di Careggi- ricorda-. Adesso questa cosa viene estesa". Una innovazione che migliora il servizio al cittadino e anche il livello di trasparenza, ma che avra' un riverbero importante sul governo della sanita' in Toscana. "Ci consentira' di monitorare quello che accade a livello di programmazione", evidenzia l'assessore. Saccardi coltiva l'obiettivo di estendere anche agli altri nosocomi regionali l'informatizzazione che e' arrivata al policlinico fiorentino: "La vera riforma sanitaria- rimarca- consiste nell'introduzione degli strumenti di informatizzazione nel modo piu' diffuso possibile, a fronte di un sistema ad alta complessita' con 50mila addetti e un bilancio di sette miliardi". (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa